Violenza tra le mura domestiche, minacce di morte e botte: arrestato nella notte

carabinieri arrest
13 marzo 2018, 12:51
842
Condividi

Tragedia sfiorata a Cautano grazie all’intervento dei carabinieri del comando compagnia di Montesarchio.

Questa notte i militari dell’Arma hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino di nazionalità marocchina di 33 anni, domiciliato proprio a Cautano, perché ritenuto responsabile di atti persecutori, violazione degli obblighi assistenziali e maltrattamenti in famiglia.  

Una richiesta di aiuto della povera consorte, anch’ella di nazionalità marocchina che, terrorizzata si era barricata in casa temendo per la propria vita.

Immediato l’arrivo dei militari, agli ordini del maggiore Leonardo Madaro, che hanno prontamente bloccato il 33enne mentre stava minacciando di morte la propria moglie. 

Gli stessi carabinieri, che stavano attenzionando la casa, erano già intervenuti poco prima nell’abitazione, e avevano constatato che l’uomo stava accantonato i mobili presenti in una stanza munendosi di alcool etilico con l’intenzione di dare fuoco agli stessi arredi.     

La vittima, al momento dell'arrivo dei militari, è stata trovata in evidente stato di terrore e prostrazione anche perché i comportamenti violenti e le angherie del proprio marito, si protraevano da tempo e in maniera sempre più pregnante e pericolosa tanto che la donna, per paura di ritorsioni, non aveva denunciato.        

Ma - grazie alla costante presenza dei carabinieri sul territorio e all'incessante lavoro a tutela della comunità - è finito l'incubo per la donna perché il marito violento, un operaio del posto, è stato arrestato, su disposizione del Sostituto procuratore di turno e tradotto presso la casa circondariale di Benevento, a disposizione dell'Autorità giudiziaria. (t.l.)

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO