Covid Irpinia, a che punto è la notte. Ariano resiste e spera

23 marzo 2020, 13:53
1918
Condividi

C’è anche il sindaco di Trevico, Nicolino Rossi, tra le 12 persone risultate positive ieri al Covid-19. Il primo cittadino è ricoverato nel reparto di medicina interna del Moscati, in buone condizioni. Nel nosocomio del capoluogo è arrivato il 19 marzo, dopo una prima tappa al pronto soccorso dell’ospedale “Criscuoli” di Sant’Angelo dei Lombardi.  

Positiva al test anche la madre del sindaco di Flumeri, Angelo Lanza. È stata proprio la fascia tricolore a raccontarlo sui social. Salgono così a 8 i contagiati nel Comune di Flumeri, due in quello di Trevico. Altri tre tamponi positivi a Scampitella, dove il totale dei contagiati è ora di 5. Stesso numero di contagi anche a  Mirabella, ieri il test ha dato esito positivo per un’altra persona. Mentre c’è il primo tampone positivo a Melito irpino. Sale il numero anche ad Ariano. Dopo le buone notizie di sabato con zero contagi, ieri l’Asl ha comunicato la positività di altre 4 persone, per un totale di 66 contagiati sul solo Tricolle, a fronte dei 142 positivi in tutta la provincia di Avellino.

La buona notizia è che però cala la percentuale dei positivi rispetto ai tamponi eseguiti al “Moscati”: ieri su 256 solo 17 hanno confermato il Covid-19, comprensivi della quota proveniente dal Sannio. Purtroppo va registrata anche l’undicesima vittima. E’ una donna di 60 anni di Gesualdo, arrivata al pronto soccorso della città ospedaliera di Avellino lo scorso 12 marzo. La 60enne presentava altre patologie. Sempre ieri nel presidio cittadino è deceduta una 69enne di Nocera Inferiore. Entrambe erano ricoverate nell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione del nosocomio di contrada Amoretta. E rischia di essere già in affanno invece il Frangipane di Ariano, dove al momento il 30-40% dei ricoverati proviene addirittura da fuori provincia. I pazienti, infatti, sono regolati dal 118, al quale ogni mattina affluiscono i dati dei vari nosocomi campani in merito alle disponibilità di posti. Si parla quindi di una ripartizione su base regionale. In terapia intensiva sono sei i posti occupati su sette. Per quanto riguarda i ricoveri nell’area Covid, dei 32 posti per Coronavirus allestiti, ieri era già 24 quelli utilizzati. 

In merito alle polemiche ruotate intorno al documento firmato dell'Amministrazione di Grottaminarda, per evitare che alcuni lavoratori facciano pendolarismo tra Ariano e e il comune dell’ufita, arriva la secca risposta del sindaco, Angelo Cobino che precisa: la finalità è semplicemente quella di far rispettare l'Ordinanza del Presidente De Luca. All'ex Sindaco di Ariano, Enrico Franza, che in un video su Facebook aveva attaccato il provvedimento firmato da Cobino definendolo inaccettabile, il primo cittadino risponde che i sindaci italiani hanno l'obbligo di controllare e far rispettare tutte le ordinanze emanate.

(di Vincenzina Ricciardi )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO