Emergenza umido, ipotesi Parolise per la trasferenza

17 maggio 2017, 14:30
117
Condividi
Cercasi sito per la trasferenza temporanea dell'umido. Per evitare una nuova emergenza, e i connessi rischi igienico-sanitari, Irpiniambiente lavora all'individuazione di un'area dove portare la frazione organica.La società che gestisce il ciclo dei rifiuti sta verificando la disponibilità delle amministrazioni, e pare che il comune di Parolise abbia detto sì all'allestimento di un impianto idoneo allo scopo. Ciò consentirebbe a Irpiniambiente e Provincia di evitare il ricorso allo Stir di Pianodardine, sempre nel mirino di comitati, residenti e ambientalisti.Irpiniambiente ha bisogno di un sito dove stoccare per qualche ora l'umido in attesa che vanga caricato sui camion in direzione Padova. Si tratta di circa 70 tonnellate al giorno. Per buona parte dell'anno scorso, a tale scopo venne utilizzato un capannone dello Stir di Pianodardine, fino a quando non arrivò un provvedimento di sequestro, poi revocato, della magistratura.Da allora i turni di raccolta sono stati ridotti e l'umido trasferito in parte a Giffoni Valle Piana e in parte a Flumeri. Con l'estate alla porte i conferimenti vanno necessariamente aumentati, per non lasciare i rifiuti al sole per giorni.Entrambe le possibili soluzioni, Parolise e Stir di Pianodardine, verranno valutate nel corso di un incontro in Prefettura chiesto da Irpiniambiente, in programma per l'inizio della prossima settimana.I tempi si annunciano tutt'altro che brevi. Nel caso di Parolise ci sarebbe da rendere disponibile un sito che esiste solo sulla carta; mentre per lo Stir occorrono tutti i pareri degli organi preposti. Ci sarebbe poi da fare i conti con le popolazioni locali pronte a scendere in piazza per la tutela ambientale della Valle.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO