Fusione Landolfi-Moscati, prime crepe: cresce il dissenso

01 giugno 2018, 15:12
294
Condividi
Accolto inzialmente con entusiamo, l'accorpamento Moscati-Landolfi ora preoccupa medici e addetti ai lavori. Il malumore serpeggia tra le corsie dei nosocomi di Avellino e Solofra. Solo pochi giorni fa il sindaco della città della concia, Michele Vignola, aveva annunciato una conferenza stampa per criticare le chiusure di reparti da parte dell'Asl presso il Landolfi. Conferenza che ad oggi ancora non si è tenuta. Del malumore si fa portavoce la dottoressa Rosanna Carpentiero, geriatra della città ospedaliera, presidente del consiglio comunale di Avella.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO