L'Asl si prepara a vaccinare la popolazione: tempi e strutture

12 gennaio 2021, 15:18
980
Condividi

Mentre si continuano a vaccinare operatori sanitari e residenti delle Rsa, l'Asl di Avellino lavora alla 'fase due', quella che dovrà coinvolgere la popolazione. Gli ultimi giorni sono stati dedicati agli incontri con i sindaci dei vari distretti sanitari per verificare la disponibilità di luoghi idonei e mettere a punto la macchina organizzativa.La direttrice generale dell'Asl, Maria Morgante, annuncia che non appena arriveranno le dosi si inizierà con la somministrazione ai cittadini, sempre in base alle priorità per categorie di rischio. In provincia di Avellino luoghi per l'inoculazione del vaccino saranno certamente le sedi di Distretti e Presidi sanitari. In caso di necessità, verrano individuate altre strutture. Ad Avellino, ad esempio, il sindaco Festa ha indicato il campo Coni. Al momento le incognite restano quelle sui tempi di arrivo delle dosi e su quante postazioni sarà necessario allestire.

La nota dell'ASL

Si sono conclusi questa mattina gli incontri programmati dalla Direzione Generale dell’Asl di Avellino con i 118 sindaci della provincia, divisi in base ai sei Distretti Sanitari di appartenenza, al fine di programmare la fase 2 della Campagna Vaccinale anti-covid 19. 

Dopo aver concluso la somministrazione del vaccino (prima dose e richiamo al ventunesimo giorno dalla prima somministrazione) per le categorie previste della Fase 1 del Piano Vaccinale della Regione Campania, si passerà alla vaccinazione delle altre categorie, sulla base delle direttive nazionali e regionali, e della popolazione residente nel territorio irpino. Pertanto, l’Azienda ha svolto sei incontri interlocutori con i sindaci della provincia al fine di programmare al meglio la Campagna vaccinale che, in considerazione del numero di soggetti da vaccinare, verrà articolata su più punti vaccinali da allestire sul territorio. 

Da parte dei sindaci è stata garantita la massima disponibilità, così come avvenuto già dai primi mesi dell’emergenza sanitaria, attraverso la messa a disposizione di strutture comunali potenzialmente idonee ad ospitare i punti vaccinali e personale e volontari che possano offrire un valido e utile supporto, anche sul piano logistico, alla Campagna Vaccinale.

“Voglio ringraziare tutti i sindaci che, anche in questa occasione, stanno dimostrando una grande disponibilità e un grande senso del dovere al servizio delle loro comunità - afferma il Direttore Generale dell’Asl, Maria Morgante - Abbiamo registrato un clima di grande collaborazione, che non è mai mancata sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria. L’obiettivo è farci trovare preparati per la fase 2 della Campagna Vaccinale, quando andremo a somministrare il vaccino alla popolazione”.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO