Sportello Sicurezza: accordo tra i Vigili del fuoco e la Confimprenditori

santoli confimprenditori
02 gennaio 2018, 20:07
157
Condividi

E’ stato firmato presso la sede della Confimprenditori di Avellino tra la d.ssa Rosa D’Eliseo Comandante Provinciale dei Vigili del fuoco e il presidente  Gerardo  Santoli il protocollo di intesa al fine di favorire il miglioramento dei livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro.

L’intesa prevede lo sviluppo di iniziative congiunte tra il sistema associativo, rappresentato dalla Confimprenditori di Avellino e il Comando Provinciale, sulla tematica della prevenzione incendi e delle misure di emergenza, , finalizzati alla sicurezza antincendio;

Il protocollo è finalizzato anche alla definizione e alla realizzazione di strumenti di semplificazione amministrativa, i quali: 

·   soddisfino i requisiti di tutela previsti dalla normativa;

·   siano compatibili con le esigenze di sostenibilità economica e miglioramento della competitività richieste dal sistema produttivo; 

In tale ottica vengono individuate le seguenti proposte per un primo sviluppo operativo del protocollo: - l’attivazione di uno sportello sperimentale di interfaccia con le imprese, sulle tematiche in argomento, di riferimento per l’intero territorio della provincia di Avellino. 

Nell’ambito di questa attività, verranno sperimentati percorsi di attenzione alla gestione di problematiche specifiche di prevenzione incendi per settori produttivi (es. turistico - ricettivo, sanità privata, impianti industriali complessi, ecc.). 

In tale postazione, sarà possibile, da parte delle imprese associate alla Confimprenditori della Provincia di Avellino, acquisire le modalità di presentazione delle istanze e le informazioni sui procedimenti in atto.

La collocazione della postazione sarà presso il Comando di Avellino; tale servizio verrà offerto una volta per settimana, in un giorno da concordare, secondo le esigenze delle parti.

 La Confimprenditori e i Vigili del Fuoco  si impegnano a:

a)                 attivarsi per il raggiungimento delle finalità dell’accordo, ed in particolare per la realizzazione delle prime proposte operative, per quanto di propria competenza; 

b)                 favorire lo sviluppo, nel rapporto con il sistema delle imprese, da parte dei VV.F., degli aspetti di prevenzione, divulgazione e assistenza tecnico-amministrativa, per le attività di propria competenza; 

c)                  realizzare attività di orientamento e informazione per le imprese, al fine di far divulgare il contenuto del presente protocollo e le iniziative che ne deriveranno. 

Per tali fini, le parti si impegnano ad attivare una sinergia operativa, nell’ambito delle rispettive competenze, mediante l’istituzione del predetto  Sportello Sperimentale dei VV.F., presso la Sede del Comando di Avellino, che garantisca, una volta alla settimana per il tempo di un’ora, l’attività di supporto costituita da interventi informativi rivolti agli iscritti alla Confimprenditori, in materia di prevenzione incendi e gestione delle emergenze. 

Lo Sportello sperimentale avrà sede presso  il Comando Provinciale dei vigili del fuoco  e  potrà

a)      fornire assistenza alla definizione/individuazione delle attività normate, soggette ai controlli dei VV.F, sia per le aziende già esistenti, sia per quelle di nuova realizzazione; 

b)      fornire chiarimenti sulla normativa di riferimento, per ciascuna attività normata individuata;  

c)      se del caso, fornire assistenza all’approccio all’antincendio, in caso di attività non normate specificamente; 

d)     fornire assistenza al corretto utilizzo della procedura di prevenzione incendi on line;

e)      studiare e mettere in atto, in favore delle imprese associate, misure atte a  semplificare e a rendere meno onerosi i procedimenti amministrativi, nell'ambito di quanto consentito dalla vigente normativa;  

f)       fornire assistenza ed ogni informazione utile alle imprese associate alla Confimprenditori, rispetto ai  procedimenti, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo:  

·         Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA); 

·         Certificazioni e dichiarazioni relative ad impianti e materiali antincendio;

·         Dichiarazioni e certificazioni di corretta installazione e funzionamento di impianti; 

·         Pareri di conformità ai progetti presentati; 

·         Rinnovo del C.P.I.;  

·         Procedure di deroga all’applicazione delle regole tecniche di prevenzione incendi. 

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO