“Una Manovra per la vita”, per la prevenzione dal soffocamento in età pediatrica

14 ottobre 2018, 23:03
469
Condividi
NAPOLI - In cinquanta piazze italiane si è tenuta l’undicesima edizione di “Una Manovra per la vita”, la Giornata nazionale promossa dalla Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica (SIMEUP) per la prevenzione dal soffocamento in età pediatrica. La giornata ha visto coinvolti oltre 500 esperti, fra medici e infermieri, nelle città taliane che, come ogni anno, hanno offerto informazioni e hanno insegnato le due manovre di disostruzione: quella per i lattanti e bambini piccoli e quella per bambini più grandi e adulti. Nei più piccoli, la manovra prevede che il bambino vada posizionato a faccia in giù sull’avambraccio con una mano sotto la faccia per tenerlo in equilibrio. Il soccorritore dovrà dargli cinque pacche a breve distanza una dall’altra (non troppo forti) sulla schiena tra le scapole. Subito dopo il bambino andrà girato in posizione supina per praticargli con le dita cinque pressioni toraciche. Per i più grandi e per gli adulti (manovra di Heimlich), invece, bisogna posizionarsi dietro il paziente, circondarlo con le braccia in un’area compresa tra l’ombelico e lo sterno ed eseguire una serie di pressioni con una mano a pugno e l’altra che la racchiude da davanti a dietro e verso l’alto in modo da comprimere il diaframma. La compressione del diaframma agisce sui polmoni che, a loro volta, esercitano una spinta pneumatica sull’oggetto che, in genere, viene espulso come spinto da un getto d’aria o da un colpo di tosse.
(di Elisa Manacorda )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO