Villa Maria, si lavora a ritmo serrato per il centro di radioterapia

11 ottobre 2017, 13:12
2368
Condividi
Proseguono a ritmo serrato i lavori presso la Casa di Cura Villa Maria per realizzare il centro di radioterapia. La clinica su facebook mostra lo stato d’avanzamento del cantiere. La gestione del centro sarà affidata ad una importante fondazione internazionale.

Il centro di radioterapia è in avanzata fase di realizzazione. Sulla pagina facebook della casa di cura eclanese Villa Maria, una foto mostra il cantiere adiacente alla clinica. “Siamo arrivati a chiudere il tetto dell'impianto di radioterapia, recita il post sui social, ci sono voluti 900 metri cubi di cemento solo per i due bunker. Un sogno che sta sempre più diventando realtà, e vederlo realizzato nei tempi previsti è la nostra più grande soddisfazione”.

La presunta data di consegna dei lavori è il prossimo aprile. Per la primavera il centro sarà completato ma indiscrezioni riferiscono che la gestione sarà affidata ad una fondazione internazionale la quale si occupa dalla sua creazione dei trattamenti di radioterapia. L’istituzione di un tale impianto, stabilita da un atto deliberativo dell’ex Asl di Avellino 1, risale al 2007 proprio presso la struttura sanitaria di Mirabella Eclano. La vicenda è travagliata: ha subìto degli stop rendendo necessario il ricorso alle carte bollate. La direzione della Casa di Cura, ricordava solo qualche mese fa alcuni passaggi burocratici, ovvero che nel dicembre 2012 dopo aver chiesto ed ottenuto le relative autorizzazioni al Comune di Mirabella e alla Asl quest’ultima dichiarava di non poter esprimere parere perché tutte le autorizzazioni a strutture sanitarie private erano sospese. Contro il provvedimento dell’Asl, la casa di cura è ricorsa al Tar di Salerno e al Consiglio di Stato che prima lo sospendeva e poi lo annullava. Con il parere favorevole alla realizzazione dell’impianto di radioterapia, la struttura di Mirabella ha ottenuto l’autorizzazione dall’ente comunale che insieme ad altre amministrazioni della Valle del Calore si è mobilitata per sollecitare la Regione Campania e la Asl di Avellino ad attivare il servizio. Ad oggi dunque il centro sta prendendo forma, inoltre sono già stati inviati gli ordini per le attrezzature. E fra non molto sarà resa nota anche l’identità della struttura internazionale che collaborerà con i professionisti irpini.

(di Valentina Bruno )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO