Centri scommesse e sale slot, è scontro sul regolamento

12 ottobre 2017, 14:41
208
Condividi
Sale slot e centri scommesse, è scontro sul regolamento proposto dal Comune di Avellino, in particolare dall'assessore Iannaccone. In aula il testo non è passato per via del dissenso manifestato da alcuni consiglieri, tra questi Gerardo Melillo e Gianluca Festa. Il regolammento prevede lo spostamenteo, entro 3 anni, di sale e centri da luoghi definiti sensibili, come ad esemio le scuole. Nono solo, si stabiliscono anche orari di apertura e chiusura. Se le sale già presenti sul territorio hanno tre anni per adeguarsi, quelle nuove dovranno rispettare da subito il regolamento. Ma l'assessore non ci sta e replica a stretto giro, accusando Festa e gli altri di voler tutelare i centri scommesse. Non a caso - dice in conferenza stampa – ad Avellino sono arrivati lobbisti del settore che evidentemente hanno trovato ascolto. Per Iannaccone quanto accaduto è uno stimolo ad andare avanti per cercare di arginare un fenomeno, quello del gioco d'azzardo, che crea grande allarme sociale. L'assessore infine annuncia che presto ci sarà uno studio per valutare l'entità del fenomeno e il numero di persone vittime della ludopatia.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO