Covid, niente fondi per Ariano: la beffa è servita

21 maggio 2020, 11:02
2569
Condividi

Amaro risveglio per Ariano. Ieri la città rientrava tra i comuni destinatari dei fondi per le aree colpite dal virus, ma nella notte qualche manina è entrata in azione ed ha, di nuovo, escluso il Tricolle. In Gazzetta Ufficiale è apparsa infatti una rettifica all'articolo 112 che sopprime il passaggio sui comuni dichiarati zona rossa sulla base dei provvedimento statali o regionali, entro il 3 maggio 2020, per almeno trenta giorni consecutivi. E' proprio il caso di Ariano. In pratica l'articolo del Decreto Rilancio ritorna alla sua versione originaria prevedendo il riparto dei 200 milioni solo tra i comuni delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza. Di fatto una doccia fredda per il Tricolle e per tutti coloro che si erano spesi per far rientrare la città di Ariano nel fondo del Governo.

Le reazioni

''Sono amareggiato e chiedo scusa ai miei cittadini'', dichiara il deputato Pentastellato Generoso Maraia, ''pur sapendo – aggiunge - che chi ha apportato la correzione non appartiene al mio Movimento.  Qualcuno in seno alla maggioranza -continua - non avrà gradito che i Cinquestelle rivendicassero il  risultato. Secondo Maraia, l'obiettivo consiste nella possibilità, per chi in questa fase non è riuscito a mettere il cappello, di presentare un emendamento che ricomprenda Ariano. Un vero e proprio schifo al quale mi opporrò in Parlamento per ottenere l’articolo così come era stato pubblicato in Gazzetta ufficiale''.

Va all'attacco l'ex sindaco di Ariano Domenico Gambacorta: ''Non ci resta che piangere'', scrive sul suo profilo Facebook. ''Un governo incommentabile la cui credibilità è sotto zero. Questa rettifica è un macigno devastante sulla popolazione di Ariano Irpino. Ai Parlamentari dell’opposizione a questo Governo rivolgiamo un appello per la presentazione di un emendamento che modifichi il testo del decreto-legge e garantisca un finanziamento adeguato a chi ha subito lutti e danni enorm all’economia''.

''Al di là delle ragioni, giuridiche o politiche che siano, il Comune di Ariano Irpino, di fatto, al pari degli altri Comuni campani dichiarati zona rossa, ha subìto un ulteriore danno: la beffa.

Mi rivolgo a tutti i consiglieri regionali e alla deputazione campana, perché, per una buona volta, si ammainino le rispettive bandiere politiche e si elevi una sola voce a difesa dei nostri territori''.

————— Il sottoscritto Enrico Franza, già Sindaco della Città di Ariano Irpino, ritiene che il contenuto del provvedimento richiamato in oggetto sia fortemente lesivo e discriminatorio nei confronti delle popolazioni campane che hanno subìto il regime di isolamento a seguito dell'inserimento nel perimetro delle aree rosse individuate con provvedimento del Presidente della Regione Campania.

I comuni dichiarati zona rossa con provvedimenti statali e regionali sono stati inopinatamente depennati dal testo dell’art. 112 D.L. n. 34 del 2020 con un avviso di rettifica pubblicato sulla GU del 20/5/2020.

Ciò è inammissibile e comporta una ingiusta discriminazione per comunità che hanno patito sofferenze molto superiori alla media e che ancora affrontano diffidenze diffuse che ostacolano ulteriormente la ripresa sociale ed economica.

Pertanto, si rivolge alle Signorie Loro nella qualità di massima espressione democratica della Campania, affinché, al di là delle legittime appartenenze politiche di ognuno, si faccia fronte comune con una azione politica unitaria, tesa ad ottenere il giusto riconoscimento al ristoro del danno economico subìto dai Comuni sottoposti a divieti di allontanamento da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell'area - ai sensi dell’art. 1, comma 2, D.L. 23/2/2020 n. 6, conv. in L. 5/3/2020, n. 13, nonché dell’art. 1, comma 2 lett. c), D.L. 25/3/2020, n. 19 - applicati con provvedimenti del Presidente della Regione, Comuni che, per ragioni ancora non del tutto chiarite, non risultano più destinatarie del Fondo ex art 112 D.L. 19 maggio 2020, n. 34. Chiede dunque che tale disposizione sia emendata opportunamente, ripristinando il testo pubblicato sulla G.U. del 19/5/2020, con eventuali opportuni perfezionamenti.

Confidando nel sentimento comune che ci lega alla nostra terra, mi appello alle Signorie loro affinché si rafforzi la nostra legittima rivendicazione.

Distinti saluti,

Enrico Franza (ex sindaco di Ariano)

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO