Il vescovo Melillo ai fedeli: "Pregate da casa"

vescovo sergio melillo
08 marzo 2020, 17:09
1632
Condividi
Dal Vescovo della Diocesi di Ariano-Lacedonia riceviamo e pubblichiamo.
"Insieme camminiamo uniti per non smarrirci, provvisti della fede in Dio che riscatta,protegge e lenisce le ferite del nostro corpo e del nostro spirito.Affidiamoci nella preghiera al Signore, in questa domenica silenziosa, come laliturgia ci parla: camminare verso la luce della risurrezione, che passa attraverso le difficoltà umane e il peccato. Un cammino guidato dalla colonna luminosa della Grazia. Gesù, di fronte allo sconcerto degli apostoli e al loro possibile disorientamento a motivo dell’annuncio, del suo destino si trasfigura. Al centro della Quaresima sta proprio la trasfigurazione ma, il cuore della trasfigurazione è la passione del Signore.Vi rammento di osservare - in modo puntuale - tutte le mie indicazioni giàcomunicate dai vostri parroci, vi rassicuro che saranno comunicate tempestivamente tutte le eventuali indicazione che dovessero pervenire dalla Conferenza Episcopale Italiana. Anche gli strumenti comunicativi (i social, ad esempio) sono uno mezzo opportuno per l’evangelizzazione, una possibilità per non isolarsi nella paura... chi ha queste abilità deve creare una sorta di “monastero invisibile” per pregare e comunicare. Vi chiedo, in modo particolare nei venerdì Quaresima, di offrire il digiuno e la preghiera al Signore in famiglia, il Ss. Rosario e il pio esercizio della Via Crucis. Intensifichiamo la visita privata al SS.mo Sacramento e la devozione alle “sante Spine” di Gesù che ci mostrano i segni di una passione che rimanda alla resurrezione!Inoltre, invito tutte le persone anziane e non solo, con problemi di salute, a restarein casa offrendo le loro sofferenze, la loro preghiera, sostenuti dalla maternaintercessione della Beata Vergine Maria, affinché il Signore ci liberi da ogni pericolo, mai separati dall’amore di Cristo, redenti e guariti!"

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO