Un diverbio alla festa di compleanno, poi la resa dei conti nel 'ring' del Boschetto: cronaca di una scazzottata

19 aprile 2019, 14:29
933
Condividi
I dissapori sarebbero iniziati ad un compleanno, forse per questioni cuore, e poi la scazzottata ripresa dagli smartphone. La Polizia ha sentito diversi testimoni, ma la vicenda si conclude con nessuna denuncia presentata.
Questioni di cuore? Pare proprio di sì. Una discussione iniziata durante un compleanno, qualche ragazza di mezzo, e poi l’appuntamento per la scazzottata al Boschetto Pasteni. Pare che questa sia la motivazione alla base della lite fra studenti ripresa nel video shock circolato su whatsapp. E pare che a dare il là al primo invio sia stata una persona molto vicina al gruppo che ha avuto la peggio, di Montecalvo, ritenendo che fosse inaccettabile quanto accaduto. Dopo di che di chat in chat il video è divenuto virale arrivando all’attenzione anche degli adulti, sia i genitori, sia i professori, e sia le forze dell’ordine. È stata la Polizia a raccogliere le testimonianze, a tentar di fare luce sulla vicenda, di comprendere le dinamiche, di entrare nel mondo di questi adolescenti. Ma nessuno ha sporto denuncia, e la vicenda a questo punto si può dir conclusa. Però c’è un elemento che si tinge di giallo: perché il pomeriggio di mercoledì un giovanissimo si sarebbe rivolto al Pronto Soccorso di Ariano. Una semplice medicazione, nulla di serio, e nessun riferimento alla scazzottata. Una coincidenza? Probabile, anche se i tempi coinciderebbero. Se non fosse stato per quel video, la lite sarebbe rimasta argomento di conversazione fra ragazzi, come le tante scazzottate di generazioni e generazioni di studenti. Ma quel video ha avuto il merito di far comprendere come la violenza sia divenuta un linguaggio sempre più frequente, ha fatto riflettere tanti genitori ed educatori, e fatto capire che davanti ad un episodio di questo genere invece che intervenire, aiutare, chiamare aiuto, si prende lo smartphone e si registra.
(di Valentina Bruno )
Mimmo Gambacorta Sindaco

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO