Al via le celebrazioni del bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis

21 aprile 2017, 15:34
310
Condividi
Lunedì 24 aprile a Sant’Angelo dei Lombardi il primo incontro promosso dal Comitato provinciale
Avellino, 21 aprile 2017 - Si aprirà lunedì 24 aprile presso il Centro di Comunità di Sant’Angelo dei Lombardi il ciclo di appuntamenti promosso dal Comitato Provinciale per le celebrazioni del Bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis.
Del Comitato Provinciale - costituito con provvedimento del presidente della Provincia, Domenico Gambacorta – fanno parte sindaci, amministratori, imprenditori, dirigenti di istituzioni e di aziende, docenti universitari, giornalisti e studiosi.  
Otto gli incontri in programma fino al prossimo 8 luglio – organizzati dalla Provincia di Avellino, in collaborazione con i Comuni - nel corso dei quali filosofi, storici, docenti universitari, politici, amministratori, giornalisti si confronteranno su vari aspetti dell’esperienza pubblica di Francesco De Sanctis, dal suo impegno etico politico al suo ruolo di educatore, dalla sua attività  giornalistica a quella di filosofo, convinto meridionalista e patriota.
Gli incontri organizzati dal Comitato provinciale per le celebrazioni del Bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis si svolgeranno nei comuni raggiunti e descritti dal De Sanctis nel suo “Un Viaggio elettorale” del 1875.
Ad ospitare il primo appuntamento incentrato proprio sul tema “De Sanctis e il Viaggio elettorale” sarà, lunedì 24 aprile alle ore 17, il Centro di Comunità di Sant’Angelo dei Lombardi.
Dopo i saluti del Presidente della Provincia di Avellino, Domenico Gambacorta, e del Sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi, Rosanna Repole, sono previsti gli interventi di Giuseppe Acocella, docente di Filosofia del Diritto dell’Università Federico II di Napoli, Alberto Granese, docente di Didattica della Letteratura Italiana dell’Università degli Studi di Salerno e del dirigente scolastico Romualdo Marandino.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO