Camera di Commercio, frena la fusione: Regione corre ai ripari

20 settembre 2018, 13:24
509
Condividi
Rischia di saltare il processo di fusione tra Camera di Commercio di Avellino e di Benevento. Se non di saltare, quanto meno di subire una brusca frenata.Il decreto emanato dalla Regione, che doveva sancirne l'unificazione, conterrebbe una serie di errori nell'elaborazione dei dati e nell'attribuzione dei seggi. A quanto trapela, gli stessi uffici di Palazzo Santa Lucia sarebbero pronti a rivedere il provvedimento, in autotutela, ed a ripubblicarlo sul Bollettino Ufficilale. Chi non vede di buon occhio la fusione, però potrebbe approffitarne per fare ricorso con l'obiettivo di tenere seperati i due enti camerali.Chi contesta il decreto della Regione, esprime dubbi in particolare sull'ingresso di alcune nuove sigle e sulla loro rappresentatività, dato che è sulla base di questo criterio che vengono assegnati i seggi ad ogni associazione di categoria.Se la Regione dovesse correre ai ripari, il percorso riprenderebbe così come stabilito: e cioè trenta giorni per indicare i componenti, una serie di adempimenti burocratici, e poi la prima seduta dell'assemble irpinia-sannio per l'elezione del nuovo presidente. Oreste La Stella,, attualmente alla guida dell'ente di Avellino, sarebbe pronto a ricandidarsi. Per una svolta invece lavora Confindustria che vedrebbe con favore un cambio alla guida della Camera di Commercio.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO