Confindustria Campania: Giovani Imprenditori e Piccola Industria a Pordenone per la missione “Lean Experience 4.0”

20 febbraio 2017, 17:28
746
Condividi


20 febbraio 2017. Una delegazione di 10 imprenditori capitanata dal Presidente del GGI Confindustria Campania Nunzia Petrosino e dal Presidente della Piccola Industria Renato Abate, oggi e domani, 20 e 21 febbraio, è in visita al centro ad alta specializzazione LEF - Lean Experience Factory 4.0 di Pordenone, il primo centro in Italia concepito come luogo di formazione sui temi del lean manufacturing e del digital manufacturing e che ha dato l’apporto fondamentale per la strutturazione della prima fabbrica modello digitale 4.0 nel nostro Paese. L’iniziativa, fortemente voluta anche dall’Assessore alle Attività produttive della Regione Campania Amedeo Lepore che per sopraggiunti impegni non ha potuto prender parte alla missione, fa seguito al seminario “Le nuove sfide dell’industria campana: innovazione e aggregazioni delle 4 A”, organizzato a Napoli dal GGI di Confindustria Campania il 7 dicembre scorso. In tale occasione, infatti, Andrea Fornasier, dell’Unione degli Industriali di Pordenone, ha illustrato alla platea di imprenditori campani under 40 l’esperienza e le potenzialità di LEF, invitandoli a visitare il centro. Da qui l’organizzazione della missione. 

“In Campania – commenta Nunzia Petrosino, Presidente del GGI Confindustria Campania - c’è un interessante tessuto imprenditoriale, fatto di infrastrutture digitali, start up e sistema dei saperi. È presente, infatti, un ricco panorama di enti di ricerca, università e poli scientifici che sono il substrato fondamentale affinchè si innestino esperienze simili a quelle della Lean Experince Factory. Siamo venuti a Pordenone per toccare con mano tale realtà d’eccellenza e per innescare un gemellaggio che ci consenta di valutare quale sia il modo più opportuno per replicare la stessa iniziativa anche in Campania. A questo scopo, a conclusione della missione, ci confronteremo anche con l’Assessore Lepore.” 

L’obiettivo, infatti, è di apprendere le conoscenze teoriche e pratiche sui migliori strumenti tecnici e organizzativi di Lean Management (gestione snella) per la competitività sia della produzione manifatturiera (Lean Production) sia del comparto office (Lean Office) e, allo stesso tempo, analizzare le potenzialità digital del tessuto imprenditoriale campano per valutare la possibilità di replicare la stessa esperienza anche su territorio regionale. L’incontro in LEF, difatti, è stato strutturato in un momento formativo ed informativo in cui apprendere il vero significato di cosa sia la quarta rivoluzione industriale, in un momento di sviluppo con l’esplicazione di come sia avvenuta l’implementazione del concetto di industria 4.0 in LEF sfociata nella realizzazione della organizzazione della prima impresa 4.0 italiana, la McKinsey; e l’ultima fase di debriefing ed analisi delle potenzialità digital in Campania. “Replicare l’esperienza del Centro ad alta specializzazione LEF anche in Campania sarebbe strategicamente rilevante. La quarta rivoluzione industriale rappresenta per il nostro territorio un’occasione eccezionale che abbiamo il dovere ed il diritto di cogliere per superare quel gap competitivo che ci portiamo indietro da anni e che danneggia il nostro territorio, le nostre imprese ed i nostri giovani da ormai troppi anni. Vogliamo e dobbiamo essere fautori di un cambiamento che speriamo possa realizzarsi grazie alla creazione di un network che nei fatti presenta in Campania tutti gli elementi giusti ma va messo solo a sistema, e noi siamo pronti” così il Presidente PI Campania, Renato Abate. Oltre a valutare le potenzialità di LEF, domani, martedì 21 febbraio, la delegazione campana prenderà parte al convegno "Impresa 4.0 – Trasformazione competitiva digitale", una tappa del roadshow nazionale di Confindustria Digitale inerente l’Industry 4.0., a cui parteciperanno relatori che forniranno una visione di come queste tecnologie stiano fortemente impattando sulla competitività delle imprese.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO