Confindustria, De Silvo resta alla guida della sezione metalmeccanici

14 luglio 2017, 13:46
398
Condividi


Si è riunita in Confindustria Avellino l’assemblea delle aziende associate del settore metalmeccanico, con all’ordine del giorno il rinnovo delle cariche sociali.L’assemblea presieduta dal Presidente in carica Mario De Silvo, è stata l’occasione per un confronto sulle tematiche di maggiore interesse ed attualità per la categoria.Espletate le formalità di rito, è stato confermato  nell’incarico di Presidente della Sezione per il prossimo quadriennio,  con il consenso unanime dei partecipanti, il dott. Mario De Silvo, dirigente della EMA Spa, azienda del gruppo Roll Royce, che si occupa della progettazione, produzione e commercializzazione di componenti microfusi per l’industria aerospaziale,  e società capogruppo della rete d’imprese PoEma.Il dott. De Silvo segue come Country Manager le risorse umane per gli stabilimenti Rolls-Royce in tutta Italia, ed  anche le relazioni sindacali della rete d’imprese.Tra i principali obiettivi delle linee programmatiche esposte dal presidente, sviluppare relazioni sindacali che valorizzino la contrattazione di secondo livello,  ed i nuovi strumenti di welfare aziendale;  diffondere tra gli associati le best practices in materia di sicurezza, ambiente e rapporti interni in modo che diventino patrimonio comune; avviare rapporti di confronto con le istituzioni  per rappresentare e far comprendere le esigenze specifiche della categoria,  che costituisce un comparto manifatturiero importante per la nostra economia locale e dopo anni di crisi è finalmente in ripresa.  

Il nuovo Presidente sarà affiancato da un Consiglio Direttivo così composto: 

Luis Alberto Ambrosone- Arcelor Mittal 

Sergio Avallone – Salvagnini Industriale

Pier Luigi D’Ambrosio – Irpinia Zinco  

Antonio De Blasio - Aurubis Italia Spa

Marco Isidori  - Tiscanet

Giovanni Mele – Led Energy

Fernando Perrotta  - Cofren

Francesco Petrosino – Condor Group

Edoardo Sella - Denso Thermal Systems 

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO