E-commerce: outsourcing soluzione ideale per la gestione dei prodotti?

02 novembre 2017, 16:09
282
Condividi
L'outsourcing è una pratica largamente diffusa ormai in tutta Europa: in breve, le aziende decidono di affidare in appalto a una ditta esterna la gestione del proprio magazzino e di tutte le attività legate ad esso, come organizzazione, presa in carico degli ordini, spedizioni e assistenza al cliente.
Anche in Italia questo fenomeno è diventato negli anni una vera e propria istituzione. Un'indagine dell'ISFOL (Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori) del 2012 mette in luce come già all'epoca le aziende apprezzassero l'esternalizzazione del magazzino: l'Italia, in grande crescita, rappresentava il 5% del mercato dei servizi di outsourcing e offshoring (delocalizzazione) in Europa, alla pari della Francia, mentre il Regno Unito da solo raggiungeva il 50%. Le vette raggiunte negli Stati Uniti non sono ancora state eguagliate in Europa, ma di sicuro il fenomeno dell'outsourcing presenta notevoli vantaggi per le aziende.
Potrebbe sembrare semplice guadagnare utilizzando questa strategia, ma non è assolutamente così. Bisogna procedere innanzitutto ad un'attenta pianificazione del lavoro, individuando una ditta adeguata con cui collaborare e mettendo al corrente dell'accordo anche i propri dipendenti, che hanno certamente il diritto di conoscere gli obiettivi della società per cui lavorano.
L'esternalizzazione sembra, a prima vista, un'ottima soluzione per la gran parte delle aziende e, forse, la strategia perfetta per un'azienda che decide di investire in un progetto di e-commerce. Lontane dagli standard impressionanti di colossi come Amazon e Ali Baba, che aprono di continuo e dovunque immensi magazzini di loro proprietà che contengono i prodotti offerti in e-commerce, le imprese di piccole o medie dimensioni devono far fronte ad altre tipologie di problemi, come la gestione dei costi interni: in questo senso l'outsourcing si propone come un'alternativa efficace al magazzino interno, che spesso comporta un'enorme perdita di tempo e denaro per via dell'affitto del locale, degli stipendi dei magazzinieri, dei problemi di spedizione, della questione della sicurezza sul lavoro. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa implica la scelta di un magazzino in esterna per e-commerce e quali sono i vantaggi di questa soluzione.

Delegare o non delegare: questo è il dilemma
Delegare a terzi o affidare ad altre imprese mansioni legate a doppio nodo alla vostra azienda non è sicuramente facile e non può essere una decisione presa d'istinto o di getto. Per mettere in atto questa pratica che compiono abitualmente centinaia di imprese in Italia, bisogna pianificare una strategia che preveda inizialmente una ricerca avanzata delle ditte specializzate in questo settore, così da effettuare una scelta soppesata e ben indirizzata. Ma per quale motivo conviene l'outsourcing? Il magazzino prevede delle dinamiche piuttosto complesse e articolate: la gestione delle differenti mansioni sembra molto simile alla gestione di un'intera azienda, tanto che molti imprenditori decidono di passare in outsourcing per liberarsi del peso della logistica.
Una delle spese più ingenti nella gestione di un magazzino è quella che riguarda la formazione dei dipendenti, che devono essere a conoscenza delle norme di sicurezza e del funzionamento dei processi di gestione delle merci; devono possedere anche delle competenze nel settore amministrativo per curare i documenti delle spedizioni e delle consegne.
Tutte queste spese possono essere evitate grazie alla delega a una società esterna, specializzata nel campo della logistica e quindi in grado di affrontare tutte le relative dinamiche connesse al magazzino.
Un ulteriore vantaggio dell'esternalizzazione è quello di alleggerire il proprio lavoro anche in termini di tempo: se il proprio magazzino è in outsourcing, i dirigenti e gli amministratori possono focalizzare la propria attenzione sulle attività e sull'ampliamento dell'impresa, che avrà anche più respiro per coltivare progetti interni, ricalibrare il proprio focus sul core business e far crescere il proprio volume d'affari.

Le peculiarità del magazzino per e-commerce
Come abbiamo visto, gestire un magazzino implica grande impegno in termini economici e di tempo, anche se si tratta di aziende di piccole dimensioni. Parlando di e-ecommerce, si può affermare che spesso questi portali online sono costretti a far fronte a continui ordini, che possono prevedere la spedizione di centinaia di articoli, a volte di diverse tipologie, complessi da gestire per chi non ha competenze specifiche e una perfetta organizzazione.
Il magazzino in outsourcing si rivela prezioso sia per l'azienda, che tende a risparmiare i costi di gestione interna, sia per il cliente, che ha maggiori probabilità di ricevere la merce in perfette condizioni e in perfetto orario, grazie all'esperienza e alla cura dell'impresa specializzata ingaggiata dall'azienda e-commerce.
Una ditta specializzata nel settore della logistica:
  • è in grado di utilizzare il software specifico per la gestione delle spedizioni e delle consegne, con i dati anagrafici dei clienti, i prezzi dei prodotti, le fatture, i preventivi
  • controlla e aggiorna di continuo la merce sugli scaffali
  • offre l'opportunità di incartare la merce per regali o di ricevere pacchi speciali
In conclusione, pensando a tutti i pro e i contro, per la gran parte delle piccole e medie aziende e degli e-commerce la strategia dell'outsourcing potrebbe rappresentare la giusta soluzione per tagliare i costi e concentrare le proprie forze sullo sviluppo dell'impresa, affidando la gestione logistica dei prodotti a chi di dovere.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO