''Il nuovo Regolamento Europeo sulla sicurezza dei dati'', convegno a Confindustria Avellino

confindustria
03 ottobre 2017, 13:11
404
Condividi
Il Regolamento europeo sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation) che dovrà essere applicato dal 25 maggio 2018, costituisce una delle innovazioni più significative apportate negli ultimi anni in materia di protezione dei dati.
Qualsiasi organizzazione che gestisce le informazioni personali dei residenti nell’Unione Europea dovrà adattarsi alla nuova normativa in materia di trattamento dei dati personali, e sicurezza delle informazioni. Ma l’applicazione delle nuove disposizioni serve anche a proteggere aziende e Pubblica Amministrazione da eventuali attacchi hacker.
Il nuovo Regolamento quindi non interessa solo le imprese ma anche gli Enti Pubblici e qualsiasi Organismo che gestisca dati personali.
Per approfondire questo argomento, in collaborazione con Ricerche & Studi e My Web School, il Gruppo Piccola Industria di Avellino ha organizzato un Workshop dal titolo ''Il nuovo Regolamento Europeo sulla sicurezza dei dati (GDPR) è alle porte. Pronti per la scadenza?'' che si terrà MARTEDI’ 10 OTTOBRE 2017 alle ore 15,30 presso la sede di Confindustria Avellino
Ad illustrare come fare per adeguarsi  alle nuove regole e svelare qualche accorgimento per la protezione dei dati da attacchi esterni, avremo  un relatore d’eccezione il dott. Riccardo MEGGIATO, un esperto di sicurezza informatica, consulente in digital forensics di fama internazionale, docente di May Web School, conosciuto per le sue numerose pubblicazioni ed apparizioni in Tv.
Investire in formazione continua per stare al passo con i continui cambiamenti normativi,  e quali strumenti hanno a disposizione le imprese, questi i temi che saranno approfonditi da un altro illustre relatore il dott. Bruno SCUOTTO, Presidente di Fondimpresa e Vice Presidente Nazionale Piccola Industria Confindustria.
Al termine degli interventi sarà dato ampio spazio ai quesiti dei partecipanti.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO