Nasce ufficialmente l'ITS di Grottaminarda: si parte a settembre

07 marzo 2018, 18:45
6073
Condividi
E’ stata costituita il 7 marzo 2018, presso la sede di Confindustria Avellino, alla presenza del notaio, la Fondazione ITS “Antonio Bruno” dedicata alle Nuove Tecnologie del Made in Italy. Sistema della Meccanica.Sono intervenuti a sottoscrivere l’atto costitutivo i rappresentanti di 43 aziende, dell’Istituto di Istruzione Superiore di Grottaminarda, socio promotore, dell’Università di Salerno, delle associazioni Confindustria Campania e Confindustria Salerno e degli altri importanti Enti territoriali ed Istituzioni che hanno aderito all’iniziativa, fortemente voluta da Confindustria Avellino.E’ questo il primo passo concreto, dopo l’ammissione al Bando della Regione Campania, per la realizzazione anche nella Provincia di Avellino di un nuovo approccio alla formazione specialistica e tecnica dei giovani.Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), infatti, costituiscono la prima esperienza italiana di offerta formativa terziaria professionalizzante, sperimentata con successo anche in altri Paesi europei, che ha come finalità quella di offrire una formazione specifica  che si interfaccia con le esigenze ed i fabbisogni delle imprese.Obiettivo della neonata Fondazione è quello di preparare quadri intermedi specializzati in un’area strategica per lo sviluppo delle imprese come quella della meccatronica, fondamentale per governare e sfruttare il potenziale delle soluzioni di Industria 4.0.L’ITS avrà sede a Grottaminarda presso i locali messi a disposizione dal Comune, parte attiva nel progetto, e l’Istituto nella sua compagine, ormai ufficiale, rappresenta complessivamente 37.000 dipendenti ed un 1,6 miliardi di fatturato .Numeri importanti che confermato il forte interesse del tessuto imprenditoriale verso i giovani a cui si intende offrire un’alternativa ai tradizionali percorsi di istruzione, orientando il loro talento e le loro potenzialità verso l’applicazione pratica delle nuove tecnologie e dell’innovazione.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO