Superbonus 110%: i costruttori irpini chiamano a raccolta le banche. Di Giacomo: per vincere la sfida bisogna fare rete

09 settembre 2020, 16:26
1304
Condividi

SUPERBONUS 110%, ANCE AVELLINO chiama a raccolta le banche della provincia di Avellino. Dalla sede dei Costruttori di via Palatucci sono partiti gli inviti ai principali istituti di credito per organizzare degli incontri tecnici sulla nuova misura contenuta nel “Decreto Rilancio” che permette la detrazione fiscale del 110% per interventi di riqualificazione energetica e sismica. Il mondo del credito ricopre un ruolo fondamentale in un meccanismo destinato a dare nuovo slancio al settore edile: una delle novità più importanti previste è infatti la possibilità di cedere il credito d’imposta (utilizzabile in cinque anni sulle spese sostenute, dal 1 luglio al 31 dicembre 2021) all’impresa che esegue i lavori o a terzi, sia con la modalità dello sconto in fattura che con quella della cessione del credito, in modo da mettersi al sicuro dal rischio di non poter beneficiare delle detrazioni fiscali.

I contribuenti e le imprese esecutrici dei lavori hanno inoltre la possibilità di optare, invece dell’utilizzo diretto della detrazione, per la cessione del credito d’imposta ad altri soggetti, compresi appunto gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.“L’apporto delle banche è fondamentale”, precisa il Presidente di ANCE Avellino Michele Di Giacomo. “Le aziende vanno sostenute nella fase di esecuzione dei lavori per rendere monetizzabili i crediti d’imposta acquistati tramite lo sconto in fattura o cessione del credito.

In questo modo si immette liquidità nel sistema, riducendo l’esposizione debitoria delle aziende”. “Si tratta di un’opportunità importante perché – precisa - la realizzazione di almeno uno degli interventi in Ecobonus o Sismabonus permette di inserire altri lavori di ristrutturazione e di efficientamento energetico, come impianti fotovoltaici e di cogenerazione”.“Il Superbonus 110% – conclude Di Giacomo – rappresenta una straordinaria opportunità per mettere in sicurezza il nostro patrimonio edilizio, ma è necessario che ognuno faccia la propria parte. Imprese, Banche e professionisti devono poter lavorare serenamente nella stessa direzione. I

l mondo delle imprese ha già dimostrato di essere pronto a guidare la nuova fase di crescita che può avviarsi anche in Irpinia”.L’Associazione via Palatucci, tramite lo Sportello di informazione e orientamento per imprese, privati, enti e professionisti attivato da oltre due mesi, è dunque pronta ad incontrare i vertici delle principali banche irpine, in linea con il sistema ANCE che, a livello nazionale, ha già siglato i primi accordi con Intesa Sanpaolo, Unicredit e Credit Agricole al fine di rispondere al rilancio del comparto e massimizzare l’efficacia degli incentivi governativi previsti dal Superbonus 110%.Un obiettivo che conferma la grande attenzione di ANCE Avellino al territorio. L’Associazione dei Costruttori, sempre grazie al suo Sportello di informazione e orientamento, è inoltre impegnata, in sinergia con le amministrazioni comunali irpine, in una serie di incontri e seminari. L’obiettivo è far conoscere e promuovere la nuova misura che può rappresentare un’importante occasione di crescita per un settore da tempo in sofferenza.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO