De Mita a Repubblica: ''Voto per mio nipote, non per Renzi''

de mita
31 gennaio 2018, 16:34
1010
Condividi
Intervista a tutto campo per il leader di Nusco Ciriaco De Mita. Questa mattina il quotidiano La Repubblica dedica un paginone, a firma di Stefano Cappellini, all’ex numero uno della Democrazia Cristiana il quale riguardo a Matteo Renzi, attuale leader del Partito Democratico, asserisce che “parla solo del presente, passato e futuro gli sfuggono. Ed è di un cinismo senza limite”. Ciriaco De Mita, 90 anni il prossimo 2 febbraio, dice candidamente che non voterà per Renzi, “voto per mio nipote Giuseppe”, e alla domanda specifica di Stefano Cappellini “Ma è candidato nella lista di Lorenzin, alleato di Renzi” il sindaco di Nusco risponde: “Mica Renzi lo posso togliere io”. Ne ha per tutti: De Mita sostiene che i suoi ex compagni Udc “si sono venduti”. Cosa ne pensa di Clemente Mastella e della candidatura della moglie, Sandra Lonardo, in Forza Italia come capolista al Senato. Il commento: “Col senno di poi, mi sono posto la domanda se avessi fatto bene a promuovere proprio tutti. Mi sono risposto di sì. L’amico che coglie la convenienza del momento fa parte delle cose della vita. E comunque politicamente sono sopravvissuto a tutti”. I cinque stelle, invece, l’ex Presidente del consiglio ammette di non averli capiti e non sa se possono aver la forza di vincere le elezioni, “ma il rischio è mettere la mitraglia in mano ai bambini”. Una battuta sull’età, sul compleanno che si avvicina, è indirizzata a Silvio Berlusconi in corsa alle elezioni. “Io sono più giovane di lui”. Cappellini lo corregge, Berlusconi è del 1936. “Perché, lei vede l’anagrafe? Io vedo le fotografie”.
(di Valentina Bruno )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO