La Provincia secondo Biancardi: al fianco dei Comuni

14 dicembre 2018, 14:11
371
Condividi
Un minuto di silenzio per ricordare Pietro Foglia, e la promessa da parte del presidente Biancardi di proporre l'intitolazione all'ex presidente del Consiglio Regionale della aula che ospita il parlamentino di Palazzo Caracciolo. Si è aperta così la seduta del Consiglio Provinciale convocata per illustrare le linee programmatiche del neo presidente.Eseguita anche la surroga di Damiano Genovese, consigliere comunale di Avellino decaduto dopo la sfiducia al sindaco. Al suo posto Giuseppe Graziano.Poi si è passati alle linee programmatiche. Biancardi promette maggiore vicinanza e sostegno ai comuni, valorizzazione del patrimonio culturale irpino, una rivisitazione della pianta organica dell'ente, abolendo servizi che non servono per sostituirli con altri di supporto ai comuni. Per Biancardi è fondamentale essere pronti a cogliere le opportunità che arrivano da fondi Eruopei e regionali. Per centrare l'obiettivo c'è bisogno di personale formato adeguatamente. Dunque, è necessario creare un centro delle competenze, all'interno di Palazzo Caracciolo, che supporti i comuni.Capitolo fondamentale anche il rilancio delle infrastrutture sia materiali, come il traforo del Partenio, che immateriali. Confermata, inoltre,  la creazione di una fondazione che si occupi della promozione e valorizzazione del patrimonio.Sullo sfondo, il nodo Alto Calore. Biancardi è netto: ''La società deve farci capire cosa vuole fare. Abbiamo un peso importante all’interno di quell’ente e siamo pronti a dire la nostra, ma prima di tutto vogliamo capire cosa si vuole fare dell’Alto Calore. L’amministratore ci deve dire subito, prima della prossima seduta, cosa succederà dopo la ricapitalizzazione e qual è il fine dell’operazione che vuole mettere in campo. Non ci presenteremo nella prossima riunione a dire “sì” ad operazione di cui non conosciamo il fine».

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO