Pd Ariano, Grasso: smettiamo di farci del male e lavoriamo ad una mozione unitaria

pd ariano segretario raffaele grasso
09 ottobre 2017, 12:33
244
Condividi
In questa infinita fase precongressuale il Partito Democratico provinciale non sta certo facendo una bella figura. Le divisioni e i contrasti tra le varie componenti stanno portando ad un gioco al massacro, nel quale anche chi ufficialmente chiede a gran voce il Congresso di fatto non fa nulla perché questo possa essere celebrato. Ci si conta, si lanciano candidati per marcare il territorio ma allo stesso tempo si chiedono correttivi al tesseramento e rinvii del congresso per paura di perdere.
Un dibattito surreale, nel quale a parlare non sono mai i Circoli territoriali e gli iscritti, ma persone che rappresentano non si sa bene chi o cosa, sempre sicuri, nelle interviste, di avere la maggioranza dei voti. Mi piacerebbe ascoltare l’opinione degli altri segretari di circolo della provincia e degli altri iscritti, che sono scomparsi dal dibattito ma esistono e rappresentano l’ossatura del Partito Democratico.
Per quanto mi riguarda, credo che quella che si sta seguendo sia la strada migliore per far perdere di credibilità al partito stesso, nonostante credibilità sia stata la parola più utilizzata durante il primo incontro organizzato dall'On. Ermini. Io non sono disposto a seguire questa strada, e credo che il mio sentimento sia condiviso da tutte le persone che vogliono il bene del partito. Dopo una lotta fratricida di tale durata e intensità, anche qualora una componente riuscisse ad imporsi sulle altre e ad eleggere un segretario, questo si ritroverà vincitore sulle macerie. Tra polemiche e minacce di ricorsi il nostro partito si ritroverebbe coinvolto in una guerra intestina tanto autoreferenziale da portarlo inevitabilmente allo scollamento con la realtà della provincia.
Esiste una sola soluzione per salvare questo Congresso e la credibilità del Partito in provincia: sedersi intorno ad un tavolo per trovare una soluzione unitaria o un accordo su un ticket per la segreteria provinciale. Ci sono appuntamenti troppo importanti per dividerci, solo così saremo responsabiliBadate bene, non ho parlato di nomi, e anzi cercare un accordo partendo dal nome sarebbe come mettere il carro davanti ai buoi viste le complicate sfide che il partito si troverà di fronte nei prossimi mesi (la complicata situazione del Comune di Avellino e le prossime amministrative, la direzione del partito negli enti sovra-comunali, le elezioni nazionali alle porte ecc.). Ci vuole coraggio, ma soprattutto un progetto. Accogliamo l’appello arrivato dal Segretario Renzi durante l’ultima Direzione Nazionale: non rinunciamo al confronto interno, ma lavoriamo insieme e non dividiamoci!
Come Circolo di Ariano, proprio in virtù del percorso che ci ha portati al Congresso di Circolo dello scorso Giugno, lo diciamo da tempo: si parli di politiche del territorio che come Partito Democratico vogliamo portare avanti, immaginiamo un sistema che possa dare voce alle buone pratiche amministrative che in molti Comuni della Provincia prendono vita grazie ad amministratori provenienti dal nostro partito. Una volta che avremo trovato la quadra su questo, sarà molto più facile trovare l’accordo su un candidato unitario, di garanzia e non un semplice pacificatore. Si parta dal progetto per arrivare al nome. Seguiamo il modello che tanto bene ha funzionato ad Ariano e ripartiamo verso le sfide che il futuro ci metterà di fronte.
La nostra provincia ha bisogno di un Partito Democratico presente e attivo sul territorio. Dovremmo essere impegnati a trovare soluzioni all’isolamento di molti dei nostri Comuni, all’emigrazione di massa dei nostri giovani, alla desertificazione economica e demografica dei piccoli comuni, ma invece siamo rinchiusi nel nostro palazzo per una lotta di potere francamente difficile da spiegare al cittadino che invece aspetta risposte credibili dalla classe politica.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO