Politiche, Pd candida il direttorio. Fi, incognita Ariano

05 gennaio 2018, 15:50
624
Condividi

La carica degli aspiranti deputati e senatori è pronta ad iniziare la lunga marcia che porta al Parlamento della Repubblica.Nutrita la pattuglia dei Cinquestelle in corsa per un posto nelle liste. Sono infatti 50 gli irpini che parteciperanno alle parlamentarie pentastellate. Entro la metà del mese i risultati. Tanti gli aspiranti, impossibile elencarli tutti. In pole position, ovviamente, l'uscente Carlo Sibilia. Tra i candidati ufitani, ci sono Gigi Maraia, figlio del compianto Giovanni Maraia, da tempo attivo nel locale meet up, e Michele De Donato di Grottaminarda, già in corsa alle parlamentarie delle scorse regionali quando risultò il secondo dei non eletti.

Sempre nell'arianese Forza Italia cerca un candidato da piazzare nel collegio uninominale. I vertici nazionali e regionali del partito hanno chiesto a quelli locali di valutare la candidatura di una donna. Una missione quasi impossibile vista la scarsa presenza di quote rosa conosciute sul territorio. Restano dunque in campo i nomi di Lo Conte, Ettore Zecchino, Di Cecilia e Cusano.

Giochi fatti in casa Pd. Alla riunione con la segretaria regionale Assunta Tartaglione i democratici irpini hanno proposto i nomi di Enzo De Luca, Rosetta D'Amelio e degli uscenti Luigi Famiglietti e Valentina Paris. Sarà Roma ad avere però l'ultima parola. All'attenzione anche la proposta dei Giovani Democratici che vorrebbero candidare il coordinatore provinciale Lorenzo Preziosi.Il Pd però è anche alle prese con il congresso. L'iter per l'assise va avanti, tanto che ieri il commissario Ermini ha incontrato la commissione per mettere a punto gli ultimi dettagli. Entro lunedì la presentazione dei candidati alla segreteria, anche se le voci su un possibile rinvio dell'assise contnuano a circolare.

Tornando alle elezioni politiche, l'uscente Famiglietti, certamente in corsa, punta alla secondo mandato e da un'iniziativa tenuta ad Ariano, traccia un bilancio della sua esperienza in Parlamento (guarda il video).

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO