Caldoro: ''Dopo Ariano ora Mondragone, due zone rosse abbandonate dalla Regione''. Anche Ciarambino all'attacco

Centrodestra e Cinquestelle criticano il governatore
Caldoro
26 giugno 2020, 15:53
678
Condividi

Stefano Caldoro, candidato alla presidenza della Regione Campania per il Centrodetra:

''La Regione Campania fa propaganda e non tutela la salute dei cittadini. Ariano Irpino ieri e Mondragone oggi, due zone rosse abbandonate a loro stesse per gli errori della Regione e dell’unità di crisi. Così si mettono a rischio i cittadini ed aumentano i contagi. Ancora una volta chi firma l’ordinanza si limita a chiudere le persone in casa ma non interviene né sul piano sanitario né su quello sociale per arginare le difficoltà che stanno vivendo i cittadini. Ad oggi non esiste un centro operativo per garantire assistenza ai cittadini, le disinfestazioni della zona, non ancora realizzate, sono affidate alla estemporaneità degli Enti locali. Queste scelte mettono a rischio la salute dei cittadini''.

Valeria Ciarambino, candidata alla presidenza della Regione Campania per il Movimento Cinquestelle:

''Le immagini che arrivano da Mondragone mi fanno rabbia. Dov'era De Luca mentre si perdeva il controllo della situazione? Non è stata messa in campo alcuna misura di carattere sanitario, né è stato previsto il coinvolgimento, che sarebbe stato più che opportuno, della Protezione civile. E’ la dimostrazione che le ordinanze di De Luca sono solo spot sulla carta. Fare un provvedimento e poi abbandonare una comunità a se stessa è una follia. Di cittadini malati e abbandonati nelle loro abitazioni ne abbiamo perso il conto. E oggi, a causa dell’arroganza mista alla distrazione da campagna elettorale del governatore uscente, si rischia di far estendere un focolaio che poteva essere contenuto facilmente e con misure adeguate, mettendo a serio rischio un’intera comunità''.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO