Donne e lavoro, arriva il Comitato di garanzia per le Pari Opportunità

20 marzo 2018, 17:51
299
Condividi

Verso la costituzione della rete dei CUG della Campania finalizzata alla prevenzione ed al contrasto delle discriminazioni, delle molestie, molestie sessuali e mobbing nei luoghi di lavoro e per la valorizzazione del benessere di lavoratori e lavoratrici.L’efficienza e l’efficacia delle azioni amministrative e la produttività delle Pubbliche Amministrazioni passano inevitabilmente attraverso il miglioramento dell’organizzazione del lavoro. E’ notorio, infatti, che un contesto lavorativo improntato al benessere delle lavoratrici e dei lavoratori, dove non si verificano episodi di mobbing o di discriminazione, garantisce un migliore apporto in termini sia di produttività che di affezione al lavoro.

A tal proposito, nel quadro degli interventi di razionalizzazione dell’Amministrazione Pubblica, è stato istituito il CUG (Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni) che sostituisce, unificando le competenze in un solo organismo, i comitati per le pari opportunità e i comitati paritetici sul fenomeno del mobbing. Gli obiettivi del CUG sono, dunque: assicurare parità e pari opportunità di genere, ottimizzare la produttività del lavoro pubblico, razionalizzare l’organizzazione delle Pubbliche Amministrazioni attraverso compiti propositivi, consultivi e di verifica, operando in collaborazione con la Consigliera di Parità. Da questa descrizione appare evidente l’importanza di attivare presso le Pubbliche Amministrazioni i CUG che divengono elemento imprescindibile ed ineludibile per un buon funzionamento di esse. Per questi motivi la Consigliera Regionale di Parità della Campania, dott.ssa Domenica Marianna Lomazzo, invita le Pubbliche Amministrazioni del territorio campano all’attivazione dei CUG, laddove essi non fossero stati ancora istituiti.

Inoltre la Consigliera di Parità informa il territorio campano che è in procinto di mettere in rete i CUG istituiti, mediante la sottoscrizione di un protocollo d’intesa finalizzato a promuovere la sinergia delle azioni tese al raggiungimento del benessere lavorativo e personale dei dipendenti ed alla valorizzazione delle differenze di genere, quali strumenti per contribuire all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico ed all’efficienza dell’attività amministrativa, ed alla diffusione delle norme di tutela contro ogni discriminazione e possibili comportamenti discriminatori diretti ed indiretti negli ambienti di lavoro ivi comprese le molestie e le molestie sessuali. Lo scopo è anche, quello di analizzare e pianificare azioni di prevenzione di ogni forma di mobbing e di rischio stress lavoro correlato. I CUG interessati possono produrre manifestazione d’interesse all’Ufficio della Consigliera regionale di Parità.

“La dirigenza pubblica deve realizzare ambienti di lavoro improntati al rispetto dei principi comunitari e nazionali in materia di pari opportunità di benessere organizzativo, di contrasto alle discriminazioni ivi comprese le molestie e le molestie sessuali e mobbing, da qui l’esigenza dell’attivazione e del corretto funzionamento dei CUG. “

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO