'Il giovane Pertini': a Montefusco e Taurasi ciak si gira /SPECIALE

30 novembre 2016, 17:30
3644
Condividi

Il borgo antico di Montefusco si trasforma in un set cinematografico.

Regista, produttori e attori di fama nazionale e internazionale girano nei luoghi storici dell’ex capoluogo irpino il film “Il giovane Pertini”.

Il ciak di Giambattista Assanti coinvolgerà anche il meraviglioso castello di Taurasi e il centro storico di Montefredane.

“Il giovane Pertini”: ciak si gira, Montefusco si trasforma in un set cinematografico. Grazie al noto e stimato regista con natali irpini, Giambattista Assanti. Un film che emozionerà e svelerà la vita del presidente amato: Sandro Pertini.

Un racconto appassionato che rivelerà il ragazzo e l’uomo tra il 1929 e 1943, coraggioso, determinato e battagliero con l’obiettivo nobile di lottare per la libertà. 

Sarà Gabriele Greco ad interpretare la figura di Pertini in un periodo della sua vita travagliato e poco conosciuto: anni di prigionia, di trasferimenti da un carcere all’altro; lunghi anni di sofferenza e di dolore: provato dalla tubercolosi, dalla crudeltà del carceriere fascista interpretato da Andrea Papale, e un lungometraggio dove si affollano i sentimenti più puri: l’angoscia della madre Maria interpretata dall’attrice Domenique Sanda e l’amore che si evince dallo scambio epistolare con la giovane fidanzata Matilde Ferrari.

Un crescendo di emozioni che ripercorreranno i 12 anni della storia dell'Italia fascista in cui si narra anche il difficile e tormentato rapporto con la madre Maria, e il suo amore "sacrificato" per amor di patria con Matilde. 

La storia di vita è anche il ritratto di soprusi e angherie che il giovane Sandro Pertini ricevette dai fascisti nelle carceri di Santo Stefano e Pianosa e nei confini di Ponza e Ventotene. 

Ed è pure una cronaca dove al dolore e alla sofferenza si mescolano momenti di una grande e inedita amicizia con Antonio Gramsci, e una serie affollata di volti e nomi di prigionieri politici e confinati che la storia non cancellerà mai.

SINOSSI IN PILLOLE

“Nella Firenze di oggi, in un giorno d'autunno due uomini si incontrano in piazza della Signoria. Hanno un appuntamento dettato da tre anni e solo oggi riescono ad incontrarsi. Il professor Poretti, non più giovane, è uno dei maggiori conoscitori della figura di Sandro Pertini mentre il suo interlocutore è Marc, giovane ricercatore di Storia Contemporanea dell'Università di Barcellona. Hanno programmato il loro incontro non senza difficoltà.

Poretti è un uomo poco loquace, diffidente del suo giovane collega e di tutti coloro che continuano a chiedergli notizie del suo ultimo libro sugli anni della prigionia di Sandro Pertini. 

Marc estremamente incuriosito dell'atteggiamento del suo collega italiano lo provoca intellettualmente pur di conoscere le informazioni che vuole su "quegli anni" di Pertini.

Poretti lo invita ad attraversare la città, invasa dai turisti, e così comincia il suo tenero e intenso racconto fatto di episodi inediti e poco conosciuti dalla storiografia ufficiale. ll racconto di Poretti, alternandosi tra passato e presente, si conclude a Ponte Vecchio, a notte fonda, dove l'uomo, che ha svelato sul filo della memoria i suoi racconti, compie un'ultima confessione al suo amico occasionale, svelando un commovente e sorprendente segreto sentimentale.Ora Marc, sorpreso e commosso da quelle rivelazioni, su quel ponte e in quella notte... ha finalmente capito.

CAST ARTISTICO

Gabriele Greco nel ruolo di Sandro Pertini 

Andrea Papale nel ruolo di Antonio Cuttano 

Dominique Sanda nel ruolo di Maria Muzio Pertini

Maribel Ripoll nel ruolo di Leda

Marc Parejo nel ruolo di Felipe 

Enrique Del Pozo nel ruolo di Enrique il comunista 

Ricky Tognazzi nel ruolo di Ugo Poretti 

Francesca Pasquini nel ruolo di Matilde Ferrari 

Giancarlo Giannini nel ruolo di Umberto Caddeo 

Ivano Marescotti nel ruolo di Antonio Russo 

Salvatore Misticone nel ruolo di Beniamino Giglio 

Manel Dalgò nel ruolo di Bambola 

Enrico Lo Verso nel ruolo di Giovanni Lai 

Daniela Poggi nel ruolo di Camilla Ravera 

Federico Tolardo nel ruolo di Antonio Gramsci 

Mario Zorrilla Rojo nel ruolo di Eduardo

Iorillo Antonio Pisu nel ruolo di Giuseppe Saragat 

Lando Buzzanca nel ruolo di Altiero Spinelli 

Gaia Bottazzi nel ruolo di Marion Pertini

Periodo di riprese: Novembre 2016

Uscita sala cinema: Marzo 2017 

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO