Montaguto sbarca a New York, premiato il tg in dialetto

12 ottobre 2017, 14:11
207
Condividi
Il telegiornale di Montaguto.com, primo tg in dialetto internazionale al mondo, sarà premiato a New York. L’associazione “Amici di Totò… a prescindere onlus”, infatti, conferirà al direttore Michele Pilla una targa nell’ambito della kermesse “Amici di Totò… a New York! Awards 2017”, che si terrà al museo italo-americano di New York (al 155 di Mulberry Street, Little Italy) lunedì 23 ottobre 2017 alle 16.00 ora locale – le 22 in Italia. L’evento sarà trasmesso in diretta Facebook sui canali di Montaguto.com e sul sito.Si tratta di un tributo speciale per il 50esimo anniversario dalla morte del “Principe della risata” con amici italoamericani. Il premio, per Montaguto.com, è un riconoscimento per il lavoro svolto nel corso degli anni per rinsaldare i legami con la comunità montagutese nel mondo, in particolare negli Stati Uniti e in Canada. E il telegiornale in dialetto e inglese rappresenta perfettamente quel “ponte” tra Italia e America, grazie al quale i tanti montagutesi lontani possono ricevere notizie dal loro paese d’origine.Oltre al direttore Michele Pilla, che salirà sul palco insieme a Domenico Del Core, conduttore canadese della redazione “estera” del telegiornale in dialetto, verrà conferito un riconoscimento anche al sindaco di Montaguto, Marcello Zecchino (che sarà ritirato da Pilla).Lo stesso Pilla incontrerà nella Grande Mela alcune istituzioni statunitensi, con l’intento di organizzare eventi culturali di spessore, insieme ai paesani italo-americani: è già in cantiere una kermesse che dovrebbe tenersi il prossimo anno proprio a New York. In Canada, a Toronto, verrà poi inaugurata la prima edizione del premio per il “Montagutese dell’anno”, conferito a un concittadino che abbia portato in alto il nome del paese.Pilla presenterà infine la bozza del suo nuovissimo romanzo thriller, “Goodbye Montaguto”, ambientato tra Montaguto, New York, Youngstown e Toronto.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO