Universiade, mega show al San Paolo: Campania protagonista /SPECIALE

04 luglio 2019, 17:07
414
Condividi
NAPOLI - Con la cerimonia inaugurale allo stadio San Paolo, rimesso a nuovo per l’occasione, si sono aperte ufficialmente le Universiadi estive Napoli 2019. Alla Cerimonia hanno partecipato le più alte cariche istituzionali italiane: il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente della Camera Roberto Fico. A rappresentare la Regione Campania il presidente Vincenzo De Luca e la presidente del Consiglio regionale Rosa D’Amelio. Tra le autorità anche i sette rettori delle Università campane (Gaetano Manfredi, dell’Università Federico II di Napoli e Presidente CRUI, Elda Morlicchio, dell’Università L’Orientale, Lucio d’Alessandro, dell’Università Suor Orsola Benincasa, Alberto Carotenuto, dell’Università Parthenope, Aurelio Tommasetti, dell’Università di Salerno, Giuseppe Paolisso, dell’Università Vanvitelli e Filippo De Rossi, dell’Università del Sannio). E ancora il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il Cardinale Crescenzio Sepe e il procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho. Il primo cittadino partenopeo ha aperto la manifestazione dando il via all’ingresso degli atleti: come per le Olimpiadi si è trattato di uno dei momenti più emozionanti, durato circa un’ora e mezza, in cui si sono alternati applausi, soprattutto per gli argentini che hanno sfilato con la ‘dieci’ di Maradona, e alcuni fischi decisamente fuori luogo alle delegazioni di Francia e Germania. Grande entusiasmo per l’ingresso in campo degli atleti italiani, che come da copione hanno sfilato per ultimi, entrati al San Paolo sulle note di Gloria. La serata è proseguita con la voce di Malika Ayane, con i rapper Livio Cori e Anastasio, Iaia Forte, il coro del Teatro Verdi di Salerno, Andrea D'Alessio e in chiusura il concerto di Andrea Bocelli. Poco prima dell’avvio dell’evento, commozione e esorrisi nella saletta di rappresentanza dell’impianto di Fuorigrotta quando Mattarella, accompagnato da Fico, De Luca, de Magistris, Malagò, Giorgetti e Matytsin, ha incontrato Noemi, la bambina gravemente ferita il 3 maggio scorso in un agguato di camorra.
(di Elisa Manacorda )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO