Alimenti scaduti e senza tracciabilità, ristoratore nei guai

21 maggio 2018, 16:59
1109
Condividi

Nell’ambito di un’attività di controllo nel settore della sicurezza agroalimentare i militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Giorgio del Sannio (BN), unitamente a personale del Nippaf c/o il gruppo Carabinieri Forestale di Benevento ed a un dirigente medico veterinario del Servizio I.A.O.A. dell’Asl di Benevento, hanno svolto un accertamento presso una ditta di ristorazione nel territorio di San Nicola Manfredi (BN).

L’ispezione ed i riscontri svolti hanno permesso di accertare gravi carenze, sia in merito alla tracciabilità che alla corretta conservazione ed all’igiene delle derrate alimentari detenute.

In particolare, durante l’accertamento in un locale adibito a deposito merci dell’attività di ristorazione, su alcuni scaffali ed in due congelatori a pozzo, si rinvenivano numerose derrate alimentari riportanti una data di scadenza superata anche da anni ed in pessimo stato di conservazione. 

All’interno dei predetti congelatori, non a tenuta e con eccessiva presenza di brina, erano depositati alimenti mal conservati, prodotti confezionati e non, per una quantità totale di oltre un quintale tra i quali anche derrate che richiedono necessariamente la consumazione allo stato fresco, come ad esempio latticini, pasta fresca, pasta sfoglia, pan di spagna ecc. misti a numerose pezzature di carne suina, avicola ed ovi-caprina stoccata in maniera promiscua in buste di plastica o alla rinfusa.

Inoltre, sempre allo stato congelato ed in pessime condizioni di conservazione, frammisti ad altri alimenti sono stati rinvenuti circa ottanta chilogrammi di carne di cinghiale di provenienza ignota.

Pertanto la P.G. operante ha deferito all’A.G. competente, il responsabile ed ha avviato ulteriori accertamenti. 

Anche sulla scorta delle gravi situazioni riscontrate, il Gruppo Carabinieri Forestale di Benevento si prefigge di svolgere ulteriori indagini ed ispezioni nella filiera agroalimentare, finalizzate a garantire una maggiore e costante tutela del consumatore.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO