Allerta meteo, dalla Prefettura arriva l’avviso: 60 ore di rischio ondate di calore

Attenzione alle categorie più deboli: anziani, bambini, persone con disabilità e problemi di salute
11 agosto 2019, 12:21
991
Condividi

Ben 60 ore di caldo torrido, a cominciare da questa mattina alle ore 8, potrebbero mettere a dura prova il Sannio. E l’afa si avverte, eccome.

Le possibili criticità vengono messe nero su bianco dalla Prefettura di Benevento che mette in guardia con un avviso sui possibili rischi la Provincia, i Comuni, l’Asl, gli Ospedali, l’Anas e non solo.

Una comunicazione tempestiva proprio a seguito dell’avviso n. Pg. 2019/0502563 di protocollo della Regione Campania relativo alle elaborazioni del Centro funzionale dalle quali è emerso che “l’innalzamento delle temperature associato ad altri fattori determinanti potrebbe causare situazioni di criticità in relazione ‘al rischio ondate di calore’” a partire dalle ore 8 di oggi e per le successive 60 ore fino alle ore 16 di mercoledì 14 agosto.

“Le temperature massime – avvisa la Prefettura di Benevento – potranno localmente anche superare di 5/6 gradi i valori medi stagionali e saranno associate a scarsa ventilazione ed ad un tasso di umidità elevata”.

Pertanto dalla Prefettura giunge l’invito alle autorità competenti, fasce tricolori comprese, di attuare le pianificazioni predisposte per il rischio ondate di calore e assumere, nell’ambito delle rispettive attribuzioni, le iniziative ritenute più idonee per prevenire pericoli per la salute delle persone appartenenti alle categorie particolarmente a rischio - anziani, persone non autosufficienti, diabetici, persone con patologie croniche, respiratorie, con disturbi neurologici e psichiatrici, persone disabili, etc.  - e alleviare i disagi ai cittadini. 

Palazzo di Governo invita anche l’Enel a valutare gli aspetti connessi al Piano di emergenza per la sicurezza del sistema elettrico.

La Questura e i Comandi delle forze dell’ordine sono in campo per assicurare eventuale supporto.

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO