Comunione con oltre 30 persone, blitz dei carabinieri: maxi sanzione al ristoratore. Nei guai i genitori della bimba

carabinieri b
19 ottobre 2020, 09:44
3923
Condividi

In una situazione di emergenza sanitaria in cui tutti dovrebbero dimostrare senso civico e rispetto per gli altri  c’è chi continua ad aggirare le normative che sono anche regole del buon vivere.

Gli irresponsabili – anche nel pieno della recrudescenza del contagio – continuano a circolare liberamente. Ma questa volta grazie ad un cittadino responsabile i Carabinieri hanno guastato la festa.

Avevano organizzato la prima comunione alla bimba ma guarda caso è stata 'rovinata' dall’arrivo dei militari dell'Arma che ha creato il fuggi fuggi generale.

I Carabinieri della Stazione di Cautano hanno fatto irruzione in un ristorante in contrada Serra di Tocco Caudio, dove era stata segnalata una festa per una prima comunione, a cui partecipavano alcune decine di persone.

In effetti, all’arrivo della prima pattuglia dei Carabinieri della locale Stazione si è potuto constatare un rompete le righe generale di persone dalla sala di ricevimento, mentre con il supporto di altro personale della Stazione carabinieri di Vitulano, i militari sono riusciti a contenere i circa 30 invitati rimasti alla riunione conviviale.

Per questo  al padre della bimba festeggiata, organizzatore dell’evento, è stata contestata l’infrazione amministrativa di aver organizzato una cena con la partecipazione di persone estranee al proprio nucleo familiare.

Il titolare del ristorante è stato sanzionato per aver consentito lo svolgimento di tale cerimonia, in violazione dell’ordinanza regionale n. 79 del presidente della Regione Campania, del 15 ottobre 2020, per il contenimento del contagio dal Covid-19.

Al ristoratore è stata notificata, inoltre, l’ordinanza provvisoria di chiusura per 5 giorni.

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO