Crea falso account, si finge un docente universitario, ordina e ritira libri a sua insaputa: denunciato 20enne

controlli carabinieri
27 giugno 2020, 10:35
650
Condividi

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un articolato servizio di controllo straordinario del territorio, con l’impiego di ben 16 pattuglie, dislocate su tutto il territorio di competenza, da Amorosi a Morcone, teso prevalentemente alla prevenzione delle truffe in danno di anziani ed ai furti in abitazione e presso esercizi commerciali.

Inoltre è stato posto in essere un consistente controllo della circolazione stradale sulle principali  arterie di comunicazione tra le province di Benevento e Caserta, anche al fine di prevenire i sinistri stradali.

Notevole impulso è stato dato anche al contrasto all’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. Sono stati controllati 178 persone e 146 autoveicoli, tra cui diversi pregiudicati.

Numerose sono state le contestazioni al codice della strada con conseguenti fermi e sequestri, principalmente per mancata copertura assicurativa.

  - a Cusano Mutri,  un 20enne, studente universitario, residente nel napoletano, è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per sostituzione di persona ed accesso abusivo a sistema informatico e telematico.

Questi mediante creazione di apposito account di posta elettronica, utilizzando arbitrariamente le generalità della sua docente universitaria presso la Federico II di Napoli, ordinava e successivamente ritirava in nome e per conto della stessa diversi libri di testo universitari a sua insaputa.


- a Telese terme: Un 31enne del luogo, già noto alle forze dell’ordine, nel corso di una perquisizione presso la propria abitazione è stato trovato in possesso di alcuni vasi contenenti piante di marijuana in piena vegetazione, che sono state sottoposte a sequestro. L’uomo è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti.


- a Solopaca:  due uomini residenti in Calabria, già noti alle forze dell’ordine, sono stati denunciati per truffa e ricettazione in concorso. Questi spacciandosi per titolari di una rinomata azienda di ristorazione calabrese ordinavano alla titolare di una nota azienda vinicola locale circa 1800 bottiglie di vino pregiato, per un valore complessivo di circa 12.000 euro.

Al momento della consegna della merce i due malviventi fornivano in pagamento assegni bancari risultati contraffatti, creando un notevole danno economico alla vittima. 


- a Pietraroja: due cittadini napoletani, un 50enne del quartiere Secondigliano e un 22enne di Fuorigrotta, entrambi pluripregiudicati, venivano sorpresi ad eseguire per le vie del paese, a bordo di una Lancia Y, di colore grigio, risultata poi essere stata noleggiata presso una concessionaria auto di Potenza, la vendita porta a porta di quadri raffiguranti l’effige di “San Pio”, rivolgendosi in maniera quasi arrogante a coloro che rifiutavano l’acquisto.

Pertanto venivano proposti alla competente autorità amministrativa per il foglio di via obbligatorio ed il divieto di ritorno nel citato Comune.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO