Da Acerra in trasferta a Benevento, foglio di via per la nigeriana dedita al meretricio

polizia
11 settembre 2017, 08:00
416
Condividi

Anche nella giornata di ieri, personale della Squadra Volanti della Questura di Benevento ha eseguito una serie di controlli mirati alla prevenzione e repressione del fenomeno della prostituzione e della  immigrazione clandestina.

L’attività della Polizia di Stato ha interessato diverse zone della città ed in particolare il Rione Ferrovia. 

Proprio nel Rione ferrovia è stata sorpresa, nelle prime ore della sera, una cittadina nigeriana in abiti succinti, dedita all’attività di meretricio, lungo una  strada periferica del quartiere. 

Dagli ulteriori accertamenti effettuati in Questura si appurava che la donna, in regola con il permesso di soggiorno ed in possesso di documenti di identità, è residente ad Acerra provincia di Napoli, da dove, in giornata, si era spostata con il treno a Benevento.

In considerazione di ciò, gli operatori della Volante, al fine di impedire il ritorno della donna in questo capoluogo,  procedevano alla emissione della proposta di un foglio di via obbligatorio dalla Provincia di Benevento.

Sempre nella giornata di ieri, personale della Squadra Volanti denunciava in stato di libertà un cittadino straniero minorenne di nazionalità senegalese  per un furto di notebook.

Nello specifico, un responsabile di una struttura di accoglienza per richiedenti protezione internazionale richiedeva l’intervento della Volante dopo aver verificato che dagli uffici del centro era stato asportato un pc portatile di marca Asus.

Dopo alcuni accertamenti effettuati dal personale giunto sul posto, i sospetti si concentravano da subito su di un minore ospite della struttura, il quale, infatti, poco dopo  ammetteva il furto e restituiva al legittimo proprietario il notebook precedentemente rubato. 

Il responsabile del centro segnalava, inoltre, che il ragazzo recentemente aveva anche avuto comportamenti minacciosi nei confronti dei suoi collaboratori, per i quali si riservava di adire le vie legali.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO