Due tentativi di suicidi in poche ore, un 58enne tenta di gettarsi nel lago e un 42enne pronto a buttarsi giù dal balcone: salvati

Ospedale Benevento
05 luglio 2020, 18:30
1553
Condividi

Due tentativi di suicidio in poche ore: uno si stava consumando nella città termale e il secondo nel capoluogo sannita.

Il dettaglio

Aveva deciso di porre fine alla sua vita gettandosi nel lago di Telese Terme il 58enne del posto individuato nella serata di ieri dagli uomini della Volante del Commissariato di Telese Terme mentre stava per lanciarsi in acqua.

L’uomo, dopo aver avuto una discussione con uno dei suoi figli nel corso del pomeriggio, aveva manifestato i suoi intenti suicidari con un messaggio ad un conoscente che immediatamente ha allertato le forze dell’ordine.

Gli agenti del Commissariato, giunti sul posto unitamente a personale sanitario e ai vigili del fuoco, si sono lentamente e con estrema cautela avvicinati alla persona che stava per lasciarsi andare in acqua, ponendo in essere nel contempo una costante opera di persuasione per convincerla   a non commettere l’estremo gesto.

Nonostante l’iniziale rifiuto di avere qualsiasi contatto, le pattuglie intervenute con un’azione congiunta sono riuscite ad afferrare saldamente le braccia dell’uomo che pur opponendo una forte resistenza è stato portato in salvo ed accompagnato presso l’ospedale San Pio per i primi soccorsi medici.

Decisivo anche l’intervento del personale della Squadra Volanti della Questura di Benevento che sempre nella serata di ieri presso una contrada del capoluogo ha impedito ad un 42enne di Benevento di togliersi la vita.

L’uomo, appresa nel primo pomeriggio l’intenzione della moglie di avviare le pratiche per la separazione, si era portato sul davanzale di un balcone della propria abitazione minacciando di gettarsi nel vuoto.

Dopo una lunga opera di convincimento, gli  agenti delle Volanti sono riusciti a far desistere dal proprio intento la  persona   che,   tuttavia,  una volta rientrata nella casa,  a seguito di  un improvviso ed incontenibile  raptus di rabbia,  ha devastato con una pala  gli arredi e aggredito gli agenti e vigili del fuoco che si erano nel frattempo  appostati all’interno dell’abitazione.

Prontamente bloccato dopo una breve colluttazione, l’uomo è stato trasportato al San Pio dove è stato ricoverato per accertamenti sanitari. 



(t.l.)

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO