Filiera bufalina, Lonardo e Battistoni: "Tutelare il comparto"

mozzarella bufala
31 gennaio 2019, 07:50
358
Condividi

I senatori di Forza Italia, Francesco Battistoni e Sandra Lonardo, hanno espresso soddisfazione per la prima audizione informale di rappresentanti della filiera bufalina sulle problematiche del settore, tenutasi, ieri, su loro richiesta, in Ufficio di Presidenza integrato dai gruppi della IX Commissione Agricoltura in Senato, presieduta dal sen. Gianpaolo Vallardi.

Presenti i rappresentanti di Confagricoltura, Coldiretti, CIA, Copagri, Alleanza delle Cooperative Italiane, UNCI Agroalimentare, UECOOP, Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana, Associazione italiana allevatori (AIA), Assolatte, Associazione nazionale allevatori specie bufalina  (ANASB) e RIS bufala: tutti concordi sull’importanza di essere vicino ad un comparto che, anche se di nicchia, risulta essere di fondamentale importanza per le regioni Campania, Lazio, Molise e Puglia, dove il latte e la mozzarella rappresentano un vero e proprio volano anche per la lotta alla disoccupazione e dove la mozzarella di bufala è ritenuta l’oro bianco delle produzioni agroalimentari italiane.

Dai vari interventi è emersa la condivisione dei vari punti trattati per l“indagine conoscitiva": tutela del bestiame bufalino e dell’ambiente, tracciabilità del latte e della mozzarella prodotta, biosicurezza degli allevamenti, distretti consortili per il trattamento del letame e dei reflui zootecnici, realizzazione di altri impianti per la produzione di biogas, utili a ridurre l’impatto ambientale degli allevamenti zootecnici a forte concentrazione animale, implementazione del piano per un corretto utilizzo degli antibiotici sulla filiera bufalina.

La IX Commissione, nella sua interezza, a cominciare dal presidente Vallardi, ha espresso la volontà di continuare a lavorare ed approfondire questa tematica, sperando di addivenire, anche attraverso le audizioni che seguiranno, a proposte anche legislative, che siano d’aiuto a tutto il comparto.   

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO