Francesco a Pietrelcina, i fedeli: che il Signore ti benedica/SPECIALE

20 marzo 2018, 13:13
320
Condividi

Positività, emozioni, speranza per un futuro di pace e armonia. Papa Francesco, il Papa degli umili, ha lasciato a Pietrelcina i segni indelebili della fede. (GUARDA LO SPECIALE CON LA TESTIMONIANZA DEI FEDELI E DELLE ISTITUZIONI)
Palloncini bianchi e gialli che sventolano in alto nel cielo, un sole che sembra benedire la venuta di Papa Francesco nel borgo di San Pio, le preghiere, i canti, gli ammalati, gli anziani, le mamme con i propri figli in carrozzella lì per essere investiti dalla luce luminosa del grande Papa Francesco che con le sue parole di incoraggiamento, le sue strette di mano, la sua benedizione è riuscito ancora una volta a far fiorire i frutti rigogliosi della fede, solidarietà e comunione.

Il 17 marzo: un giorno che resterà per sempre negli annali della storia.

PIANO SICUREZZA IMPECCABILE: PLAUSO AI VERTICI DELLA SICUREZZA

Settecento uomini e donne delle forze dell’ordine hanno presidiato Pietrelcina. Giorni e giorni di lavoro no stop per garantire la sicurezza del Santo Pontefice e dei fedeli.Un piano che ha funzionato alla grande grazie alla professionalità, alla preparazione dei vertici sanniti deputati alla sicurezza.Nessun ingorgo a Piana Romana, tutto ha funzionato alla perfezione anche per la stampa accreditata che è giunta senza alcuna difficoltà nella postazione assegnata per seguire in diretta la venuta del Santo Pontefice.
Soddisfatto il questore di Benevento Giuseppe Bellassai.
“Abbiamo lavorato per settimane in sinergia con la Gendarmeria e l'Ispettorato del Vaticano, la Prefettura, i Carabinieri, la Guardia di finanza, i Vigili del fuoco, la Protezione civile, il 118, i Comuni, la Provincia e la Regione. Il bilancio dà il senso della bontà delle scelte fatte durante i tavoli tecnici e i numerosi sopralluoghi”.
Ma al vertice della Questura di Benevento, che continua a dimostrare la sua competenza, abbiamo anche chiesto cosa ha provato nell’incontrare Papa Francesco. (GUARDA LO SPECIALE)

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO