I Rom di Napoli nel Sannio? Ricciardi contro Cesaro: "Non siamo lo zerbino di nessuno"

ricciardi
19 ottobre 2018, 17:53
305
Condividi

L’idea del  capogruppo alla Regione Campania di Forza Italia onorevole Cesaro non piace certo ai sanniti.

Perché non solo Cesaro ha espresso la sua idea di risolvere la questione dei rom presenti nell’area metropolitana di Napoli dislocandoli nei paesi altirpini ma anche - a quanto pare - nei meno popolosi comuni del beneventano. 

A rispondere a tono ci pensa il coordinatore provinciale della Lega Benevento Luca Ricciardi che manda a dire: “Ogni persona di buon senso comprende come questa ipotesi di soluzione sia assurda per un problema che col passare degli anni sta diventando sempre più complesso e di difficile gestione”.

 “L’onorevole Cesaro - aggiunge Ricciardi - parte dall’assunto errato che nella provincia di Benevento vi sia una sorta di spazio vuoto disponibile all’accoglienza.

In realtà, come ognuno sa, il beneventano è una provincia collinare e montuosa costellata di piccoli comuni: collocare dei gruppi estranei e problematici in piccoli comuni significherebbe porre le premesse per enormi problemi di convivenza e diciamolo pure apertamente di criminalità. Questa ipotesi - sottolinea il coordinatore leghista - si inserisce in un momento di grande difficoltà per le aree interne della Campania: da tempo esse attendono la loro giusta valorizzazione e nello stesso tempo soffrono per le decisioni calate dall’alto.

Invece ci si ricorda del beneventano quando se ne vuol fare un centro di raccolta per l’immondizia regionale, quando occorre “razionalizzare” la sanità campana tagliando e declassando il nostro sistema. 

I problemi - conclude Luca Ricciardi - vanno risolti, non spostati e il Sannio non ci sta a giocare il ruolo dello zerbino sotto cui si nasconde la polvere. Crediamo di interpretare la volontà di tutti i cittadini della provincia di Benevento opponendoci nettamente a questa stravagante ipotesi.

La Lega di Benevento non lo consentirà”.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO