Ospedale, da domani ricomincia lo sciopero della fame

17 giugno 2019, 15:07
292
Condividi

"Le attiviste del Comitato “Curiamo la Vita” domani conteranno 80 giorni di presenza in presidio davanti all’ospedale S.Alfonso M. de Liguori di Sant’Agata de’ Goti". 

E' quanto si legge in un documento stilato da Mena Di Stasi e le altre donne in presidio.

"In questo lungo periodo vissuto ai piedi del nosocomio hanno subito di tutto: nubifragi, grandinate, temperature rigide, ora caldo torrido, ma soprattutto grandissima indifferenza, accompagnata da piccoli gesti di incoraggiamento di pochissime persone.

Il 30 marzo 2019 hanno piantato la protesta, da subito raccolta con scetticismo, poi col passare dei giorni si è andata sempre più affievolendo, fino a che oggi sembrano anime fantasma, ignorate completamente da tutti. 

Ora addirittura ci è stato chiesto di sgombrare il sito, perché, che la nostra presenza mette in cattiva luce (a dire di chi ci ospita) la raggiunta funzionalità della struttura sanitaria. A nostro avviso nulla è stato fatto e mutato da novembre 2018, anzi, poco o niente è stato adottato di quanto previsto dal Decreto Regionale 41/2019 del presidente De Luca.

Noi non ci sentiamo vinte, ma sicuramente scoraggiate, ma questo sentimento non impedirà la nostra azione, perciò: con o senza tenda, dentro o fuori il recinto dell’ospedale, in solitudine o accompagnate, continueremo a lottare per tutti, perché la salute è un diritto per tutti. 

Le ferie estive saranno un ulteriore pretesto per ridurre l’offerta sanitaria dell’ospedale. 

Le attiviste non molleranno e non demorderanno dai loro intenti e non permetteranno a nessuno di vanificare tutti i sacrifici che almeno sulla carta hanno portato ottimi risultati, anche se non attuati. Da domani inizieranno di nuovo lo sciopero della fame fino all'applicazione del decreto 41/2019 della Regione Campania, e se allontanati e sprovvisti di tenda, faranno lo sciopero della fame a casa o sul luogo di lavoro, ma certamente lo faranno.

Le attiviste con questo estremo gesto vogliono riaccendere i riflettori ormai volutamente spenti sulle ragioni dell’Ospedale che a noi sta particolarmente a cuore perchè offre una possibilità di vita al nostro territorio".

IN AGGIORNAMENTO 18 giugno ore 10.50

Aderiscono allo sciopero della fame, per il momento, Mena Di Stasi e Margherita Rossano.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO