Qualità dell’aria in città, insediato il tavolo tecnico Comune - Unisannio

Benevento comune
13 gennaio 2021, 13:24
156
Condividi

Insediato il tavolo tecnico, composto dai tecnici del Comune e dell’Università degli studi del Sannio, che dovrà procedere alla concretizzazione delle attività di indagine sulla qualità dell’aria in città con particolare riferimento agli inquinanti da polveri sottili (particolato PM 10 e PM 2,5).

In rappresentanza del Comune erano presenti il dirigente del Settore Ambiente, Gennaro Santamaria, la posizione organizzativa del Settore Ambiente, Annamaria Villanacci, e la responsabile dell’Ufficio Ambiente, Elena Cavuoto, mentre per l’Università del Sannio hanno partecipato i professori Francesco Pepe e Flavia De Nicola.

In attuazione della delibera recentemente adottata dalla Giunta comunale, il tavolo ha deciso di procedere innanzitutto all’approfondimento del Piano regionale sulla qualità dell’aria mediante un incontro in videoconferenza fissato per le ore 10:30 del giorno 18/01/2021 e a cui parteciperanno i rappresentanti della società che ha elaborato il documento e i rappresentanti della Regione stessa.Successivamente il tavolo procederà al censimento delle fonti di emissioni presenti nel territorio comunale e in quelli limitrofi, oltre alla rilevazione dei dati diffusi sul territorio in modo da verificare se i dati rilevati dalle 3 centraline dell’Arpac siano rappresentativi o meno del livello medio della qualità dell’aria dell’intero territorio comunale e all’analisi in laboratorio del particolato PM 2,5 e PM 10 presente in città al fine di determinare il tipo di fonti che immettono maggiormente le polveri sottili in atmosfera.

Inoltre è stato pubblicato l’avviso pubblico per l’affidamento dei lavori di bonifica dell’area che ospitava l’ex scuola Sannio. 

“L’Amministrazione – spiegano il sindaco Mastella e l’assessore Giorgione – ha deciso di accelerare l’iter di un intervento che, com’è noto, era previsto nell’ambito del Piano Periferie, mediante l’utilizzo di fondi tratti dal bilancio ordinario. Una scelta, quest’ultima, che è stata adottata per venire tempestivamente incontro alle richieste pervenute dagli abitanti della zona.

I lavori prevedono la demolizione delle 7 strutture in prefabbricato e il conferimento in discarica del materiale di risulta, lo smaltimento dell’amianto rinvenuto in loco, la bonifica del sito e la rimozione della vegetazione infestante presente nell’area”.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO