Stazioni ferroviarie più sicure: ecco i risultati della polizia

stazione bn 2
02 luglio 2018, 14:36
182
Condividi

Vendite ambulanti abusive, truffe, reati predatori sono  alcune delle violazioni, penali ed amministrative, che  più spesso minacciano la sicurezza dei viaggiatori nelle stazioni ferroviarie.

Il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania ha da tempo intensificato i controlli mirati anche a scoraggiare delinquenti, pregiudicati e malintenzionati ad entrare  in stazione per commettere reati, nella filosofia di una stazione aperta e libera, ma più sicura.

In questa ottica continua la sperimentazione del dispositivo di sicurezza  di recente introduzione che prevede, mediante l’utilizzo  di nastri tendiflex e  desk della Polizia Ferroviaria, il restringimento delle vie di accesso delle stazioni a pochi varchi,  attraverso i quali  tutte le persone in ingresso, passano sotto lo sguardo  dei poliziotti,  che controllano  i sospetti con i metal detector. 

Nella Stazione di Napoli Centrale questo dispositivo si avvale dell’ausilio delle Unità Cinofile Antidroga e Antiesplosivo e Unità Operativa Pronto Intervento (Uopi) della Questura di Napoli e dei militari impegnati nell’operazione “Strade Sicure” e di poliziotti muniti di cannocchiale, in servizio di osservazione del perimetro esterno.

A ciò  si aggiunge il sistema di videosorveglianza capillare attraverso il quale la Sala Operativa  monitora costantemente h24 le stazioni.

Nel fine settimana sono stati effettuati controlli straordinari in ragione delle partenze e degli arrivi di numerosi viaggiatori diretti nelle mete turistiche, per un week end in sicurezza nelle stazioni ferroviarie. Questi  i risultati:

1528 persone identificate 

418 bagagli a seguito di viaggiatori controllati•

3 persone denunciate all’A.G. (tentata truffa, resistenza e oltraggio a P.U.;

danneggiamento aggravato; inottemperanza al FVO) 

 2 fotosegnalamenti 

 4 sequestri amministrativi 

 6 sanzioni amministrative

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO