Violenza di genere, Bruno: “Ascolto e sinergia per costruire il percorso di uscita”/Speciale

Il prefetto di Benevento Galeone: "Lavorare per invertire il senso della vergogna”
17 marzo 2017, 07:50
734
Condividi

Donne vittime innocenti delle mafie: 1120 morti in 153 anni; 2701 vittime di violenze di genere: in 16 anni. Una donna muore ogni tre giorni e sono oltre 1700 gli orfani di femminicidio. (GUARDA LO SPECIALE)

Dati di morte e buio che fanno riflettere e che spronano a lavorare in sinergia per costruire la cultura della legalità e della non violenza; per tendere mani di concretezza alle tante e ai tanti che non hanno voce.

Dati che inducono a momenti fondamentali di riflessione perché è attraverso l’incontro, l’ascolto, il confronto tra le istituzioni, le associazioni, le forze dell’ordine che combattere la violenza si può.

Perché “la violenza contro le donne è vergogna sociale; è un olocausto silenzioso; è una schiavitù ignorata e le leggi dedicate sono il tentativo di rimediare al fallimento dell’evoluzione del genere umano”. Parole profonde che graffiano l’animo, che restano impresse e che restituiscono il senso dell’impegno concreto di una donna medico da sempre accanto alle donne: Rosaria Bruno presidente dell’Osservatorio regionale della Campania sulla violenza contro le donne.
Momento di confronto e di concretezza: autorevoli presenze al convegno organizzato dall'Università degli Studi del Sannio e dall’Osservatorio regionale della Campania sulla violenza contro le donne con il patrocinio della Prefettura di Benevento e del Consiglio regionale della Campania.   

Non ha fatto mancare la sua presenza il neo procuratore della Repubblica di Benevento Aldo Policastro che ha portato il saluto insieme al procuratore aggiunto Giovanni Conzo.

“Lavorare per invertire il senso della vergogna perché la vergogna è di chi commette violenza e non di chi la subisce”: così il prefetto Galeone che insieme al questore Bellassai e ai presenti hanno applaudito all’iniziativa “Uscita in sicurezza. Criticità e best practices nel percorso di uscita delle donne vittima di violenza di genere’.
Al tavolo dei lavori: Filippo de Rossi, rettore dell’Università degli Studi del Sannio;

Erminia Mazzoni, vice sindaco di Benevento; 

Paola Galeone, prefetto di Benevento; 

Giuseppe Bellassai, questore di Benevento; 

Marilisa Rinaldi, presidente f.f. del Tribunale di Benevento; 

Ornella Amore, docente dell’Università dell’Università del Sannio;

Rosaria Bruno, presidente dell’Osservatorio regionale della Campania

Ilenia Sanso, psicologa e psicoterapeuta dell'Associazione Spazio/Donna Caserta

Maria de Luzenberger, procuratore capo presso il Tribunale per i minorenni di Napoli. 

Alberto Mazzeo, presidente dell’ordine degli avvocati di Benevento

Antonella Napolitano, presidente Comitato unico di garanzia dell’Università del Sannio. 

Ha moderato l’incontro la giornalista de Il Mattino Carmela Maietta

(di Teresa Lombardo )

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO