Ariano-Grotta, derby con poche emozioni: finisce 0-0 /VIDEO

05 febbraio 2018, 17:18
305
Condividi
In una cornice di pubblico che ha ricordato i fasti del calcio arianese, Ariano e Grotta si sfidano per cercare di cancellare le brutte sensazioni lasciate dall’ultimo turno di campionato. Entrambe le squadre reduci da un ko, con il Grotta che addirittura si presenta al Renzulli con un nuovo allenatore in panchina, dopo le dimissioni di Ferraro. A raccogliere il testimone è Di Pasquale, che non cambia più di tanto il volto della squadra. La vittoria del San Tommaso nell’anticipo del sabato costringe le due formazioni a cercare la vittoria per non staccarsi troppo dalla vetta. La gara inizia con il minuto di raccoglimento per la morte dell’ex CT della Nazionale italiana Azeglio Vicini, poi la parola passa al campo. Fase lunghissima di studio tra le due squadre che giocano molto palla, ma non sfondano mai in modo decisivo verso la porta avversaria. Bisogna attendere il ventesimo per la prima vera azione gol. Che porta la firma di Cataruozzolo, bravo a partire sul filo del fuorigioco e portarsi a tu per tu con il portiere arianese Formisano, che comincia il suo personale show chiudendo in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner si crea una pericolosa mischia, dalla quale i padroni di casa escono pulendo l’area. Replica subito l’Ariano, con una girata di testa di Capodilupo, che per poco non inquadra la porta avversaria. Al 24’ il Grotta usufruisce di un calcio di punizione dalla distanza. Agata chiama ancora una volta alla grande parata Formisano, che si rifugia in angolo dopo un volo alla sua destra. Nell’altalena di emozioni, alla mezz’ora, tocca a Bernardo far sussultare i propri tifosi con una botta dalla distanza che si infrange sulla traversa della porta grottese. La squadra giallorossa è trascinata da Cataruozzolo, che al 34’ si lancia in contropiede, prepara tutto bene, saltando anche Formisano, ma non riesce ad imprimere forza al pallone al momento della conclusione, propiziando così il ritorno dell’estremo difensore dell’Ariano che salva tutto. E un momento favorevole al Grotta che chiude in attacco la prima frazione. Al 37’ ancora Agata su punizione pareggia il conto dei legni centrando il palo. Poi ancora Formisano deve fare gli straordinari, con un’uscita al 39’ sui piedi di Cataruozzolo. Parte a ritmo lento la ripresa, con la prima azione degna di nota che arriva al 17’, quando Polichetti cerca la deviazione vincente che però trova sulla sua traiettoria ancora una volta il palo. Incredibile ma vero, da questo momento in poi la gara vive esclusivamente di capovolgimenti di fronte il più delle volte destinati ad esaurirsi all’altezza della tre quarti avversaria. Nessuna delle due squadre riesce nell’affondo decisivo, e la partita diventa una sorta di dimostrazione prolungata di tattica. Le due formazioni sono attente soprattutto a non prendere gol, e questo atteggiamento si riverbera sulla qualità dello spettacolo. L’unico sussulto arriva proprio in conclusione, quando, un attimo prima del triplice fischio finale, al 49’, Formisano compie l’ultima decisiva parata sull’incursione di Russo, cui nega la gioia di quello che sarebbe stato il gol partita.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO