Calcio, 26 agosto debutta il "nuovo" Avellino. In Coppa Italia c'è il Nola

calcio minore
13 agosto 2018, 16:53
584
Condividi
Calcio. L’Avellino debutterà in assoluto contro il Nola in coppa Italia il 26 agosto. Inizierà così il nuovo corso del club biancoverde, che è alla ricerca di un direttore sportivo e di un allenatore esperto che possano fare subito bene. Impresa non facile, visti i tempi veramente concentrati in cui la società sarà costretta ad operare.
Il nuovo Avellino muoverà i primi passi tra due settimane circa, quando esordirà in Coppa Italia contro il Nola. La Lega Nazionale Dilettanti ha ufficializzato la prima data della Competizione tricolore riservata ai dilettanti, collocando l’Avellino nella casella corrispondente a quella del Nola che sarà dunque la prima squadra che verrà affrontata nel nuovo corso della società biancoverde. Da vedere dove l’Avellino sarà di stanza per quella data. Il Partenio Lombardi resta un affare da gestire con solerzia e velocità, ma non manca la possibilità che la squadra per il suo debutto ufficiale debba fare ricorso allo stadio di Montemiletto, che è stato indicato, per ogni sicurezza, come quello su cui la formazione avellinese dovrebbe ufficialmente disputare le gare casalinghe. In settimana si attende di conoscere quali saranno gli sviluppi intorno alla questione stadio, con Taccone che deve, per così dire, liberare il partenio Lombardi, che ha avuto in gestione alla guida dell’Avellino. Dronte caldo quello dello stadio, come lo è anche la questione legata all’addio di Castaldo, poco gradito da parte di alcuni tifosi, che avrebbero voluto vedere il bomber alla guida dell’attacco biancoverde anche tra i dilettanti. Castaldo respinge le accuse, ma ormai si tratta di una storia chiusa di cui non avrebbe alcun senso parlare, soprattutto dopo che l’attaccante ed il capitano D’Angelo si sono già accasati alla Casertana. Sostanzialmente gli interessi attuali della neonata società sono altri. Bisogna a tutti i costi formare un organigramma societario di livello, per potere organizzare in fretta tutto l’occorrente per un inizio di stagione lanciato. Innanzitutto De Cesare dovrà affidare l’incarico ad un direttore sportivo di livello, che abbia anche un buon potere negoziale, visto che per l’allestimento della squadra occorreranno tempi record. Senza parlare, poi, dell’allenatore, che a questo punto dovrà essere scelto tra gli esperti della categoria, anche se ovviamente sarà complicato trovare un profilo di gradimento, posto che i tempi sono veramente stretti.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO