Calcio, K.O. dell'Avellino a Cremona. Ora testa al Foggia

calcio pallone
04 settembre 2017, 11:55
251
Condividi
Calcio. Primo ko stagionale per l’Avellino, sconfitto per tre a uno a Cremona dalla squadra di Tesser. A segno l’ex attaccante biancoverde Mokulu. Per i lupi il gol della bandiera porta la firma di Morosini. Ora testa al Foggia, che sabato prossimo affronta i biancoverdi al Partenio Lombardi.
A Cremona arriva la prima sconfitta per l’Avellino. Stavolta l’impresa di rimontare lo svantaggio, come fatto nel debutto contro il Brescia, non riesce ai biancoverdi, che tornano in Irpinia con una valigia carica di delusione e anche un po’ di rabbia. Perché i lupi, dopo lo svantaggio iniziale erano riusciti a rimettere in piedi la gara grazie al gol del pareggio firmato da Morosini, che ha piazzato la sua prima marcatura con la maglia della squadra campana. Un pari che aveva fatto ben sperare, ma che poi era stato vanificato dal classico gol dell’ex. Il nuovo vantaggio cremonese era infatti firmato da Benjamin Mokulu, che, così come aveva preannunciato, non ha esultato dopo aver superato l’estremo difensore Lezzerini. L’Avellino dopo lo svantaggio non risultava affatto una squadra arresa e senza voglia di rimettersi subito in carreggiata. Anzi: la formazione di Novellino riusciva anche a segnare quello che sarebbe stato il gol del due a due con Asencio, ma il signor Ghersini di Genova rilevava una irregolarità nell’azione, ed annullava il pari dei lupi. Nei minuti finali, poi, la squadra di casa chiudeva il discorso piazzando il gol del tre a uno. Una gara, come si diceva, che consegna all’Avellino elementi di valutazione positivi, ma che spinge anche a riflessioni che riguardano soprattutto le individualità. Qualche errore di troppo continua a registrarsi nel reparto difensivo, lo stesso che aveva suscitato perplessità a Verona, nella gara di Coppa Italia. E’ lì, almeno questa è la sensazione, che bisognerà spendere maggiori energie per oliare i meccanismi e mettere a punto movimenti e automatismi. E soprattutto dovranno essere i singoli ad evitare errori individuali che potrebbero poi risultare fatali. Oggi la squadra è al riposo, per ricaricare le pile e cercare di presentarsi nel migliore dei modi contro il Foggia, prossima squadra da affrontare al Partenio Lombardi.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO