Calcio, male l'Avellino travolto in casa dal Trastevere

calcio
03 dicembre 2018, 14:55
190
Condividi
Calcio. L’Avellino travolto in casa dal Trastevere. La formazione capitolina ha rifilato quattro gol all’Avellino, che ha limitato la delusione solo nel finale con il gol di Sforzini. Contestazione a fine partita per l’allenatore Graziani e per la squadra, uscita dal campo sotto bordate di fischi.
Finisce con un secco 1-4 la gara tra l’Avellino ed il Trastevere. Una debacle totale, con la squadra biancoverde annientata dalla capolista, ed in capace di reagire seppur minimamente alle giocate degli avversari. Solo un gol allo scadere di Sforzini ha evitato il cappotto. Ad aprire le marcature è Tajarol che sfrutta una punizione dalla trequarti. Fa seguito una doppietta di Sannipoli, che si fa trovare pronto prima su calcio d'angolo e poi su una respinta di Lagomarsini in apertura di secondo tempo. Lorusso trasforma il rigore che vale il poker per gli ospiti, Sforzini realizza all'88' il goal della bandiera per i lupi. Sotto processo finisce inevitabilmente l’allenatore Archimede Graziani, contestato duramente, insieme a società e squadra, dai tifosi a fine partita. Graziani, che dovrebbe comunque essere confermato in panchina, ha chiesto scusa a tutti per il risultato assumendosi tutte le responsabilità per la sconfitta. Nonostante l’attacco quasi a secco, i problemi più evidenti si sono mostrati in difesa: le palle inattive sono un problema che ci si porta da inizio stagione, sul quale l’allenatore ha detto di dovere continuare a lavorare. Il fatto è che risulta sempre più evidente come i problemi di questa squadra siano ormai palesi e da tempo individuati con precisione, ma che si continui a non trovare le giuste soluzioni. La prestazione dell’Avellino, dopo la vittoria nell’ultimo turno, fa ancora più male per la modalità in cui si è sviluppata. Gli stessi giocatori non sembrano trovare spiegazioni a tanta arrendevolezza. Come già detto, la scialba prestazione dell’Avellino ha acuito il malcontento dei tifosi, che non le hanno certo mandate a dire, fischiando ripetutamente la squadra, addirittura anche al momento dell’annuncio del gol di Sforzini ed accompagnando con cori di protesta i calciatori negli spogliatoi. Come dire: la misura sembra essere colma e bisogna ora mettersi al lavoro per invertire la rotta. La squadra riprenderà gli allenamenti domani e sabato mattina partirà per la Sardegna: la gara di Budoni introdurrà un trittico di partite in una settimana, con due trasferte sarde. Si torna al Partenio-Lombardi mercoledì 12 dicembre per l'infrasettimanale con la Lupa Roma.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO