Champions, ko interno per la Sidigas. Si complica il discorso qualificazione

Basket
18 gennaio 2018, 15:47
255
Condividi
Basket. La Sidigas Avellino, sconfitta sul parquet del pala del Mauro nella sfida di Champions contro lo Zielona Gora. 57 a 64 per la squadra polacca il finale. Il ko complica non poco il discorso qualificazione. Ma ora bisogna subito concentrarsi sul campionato. Tra tre giorni c’è la trasferta di Reggio Emilia.
Esce sconfitta la Sidigas Scandone Avellino dal match di Basket Champions League contro lo Zielona Gora. I polacchi conquistano la vittoria con il punteggio di 57-64. I biancoverdi non riescono ad imporre il proprio gioco sin dalle prime battute e Zielona approfitta dei passaggi a vuoto degli Irpini, che hanno tentato la rimonta solo nella seconda parte di gara. Gli uomini di coach Sacripanti soffrono un pesante parziale subito nel primo quarto e non riescono mai a rientrare in partita. Probabilmente sull’andamento della gara ha pesato la troppa superficialità, e coach Sacripanti si imputa la responsabilità di non essere stato in grado di trasmettere ai suoi ragazzi la giusta importanza e far percepire la grande difficoltà di questa partita. È ovvio che quando si parte con un parziale di 7-19, come quello subito nel primo quarto, diventa difficile recuperare: Sacripanti ha ruotato tutti i giocatori e comunque la squadra ha dimostrato di potersela giocare per 30 minuti, ma ovviamente questo non basta a vincere le partite. Il gruppo D è composto da tantissime grande squadre che giocano un’ottima pallacanestro e Zielona rientra senza dubbi in questo gruppo. Secondo Sacripanti la compagine polacca gioca la miglior pallacanestro del girone e questa consapevolezza c’era già dopo la partita d’andata: i polacchi hanno mostrato anche al pala del Mauro una grandissima circolazione di palla e fatto tesoro delle qualità dei propri abili tiratori, ma, senza girare troppo attorno agli alibi, nella sconfitta di ieri sera pesa principalmente la responsabilità della Scandone, se è vero come è vero che nel secondo tempo la squadra ha dimostrato di potersela giocare fino in fondo. La sconfitta in coppa non deve comunque pesare sul cammino in campionato. La squadra deve restare umile e determinata, come lo è stata fino ad ora, per continuare a fare cose importanti. La speranza è che questa sconfitta non precluda il passaggio al secondo turno, discorso che nonostante sia difficile, resta aperto, visto che mancano tre partite. Ora testa a Reggio Emilia. C’è il primato in campionato da difendere.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO