Eccellenza, domani la decisione sulla ripartenza

calcio
09 marzo 2021, 12:22
2486
Condividi
Calcio minore.  In attesa del consiglio di Lega in programma domani, e dal quale verrà fuori la decisione definitiva in merito alla ripresa del campionato di Eccellenza, cresce lo scetticismo in relazione alla reale possibilità di ripartenza. Preoccupa la crescita dei contagi e la conseguente predisposizione di misure straordinarie di prevenzione e controllo.
Dopo l’entusiasmo che ha accompagnato la notizia della volontà della Lega Nazionale Dilettanti di riprendere il campionato di Eccellenza, è già tempo di scetticismo. Domani si dovrebbe conoscere la modalità con cui si intende far ripartire la stagione delle squadre militanti nel massimo campionato regionale, con il consiglio di Lega che dovrà dettare tempistiche e modalità. Ma la crescita dei contagi che si sta registrando in questi giorni, ad un anno esatto dal primo lockdown, sembra consigliare la massima prudenza. Ripartire in sicurezza per i club di Eccellenza è una priorità, ma appare chiaro che per quanto ci si voglia muovere con cautela, sarà difficilissimo tenere sotto controllo il tutto, come ben dimostrato anche dai club di serie A, con il Torino ultimo in ordine di tempo, che, nonostante le tante precauzioni, non sono sempre riusciti ad arginare il fenomeno dei contagi. Questa la dura realtà, che ovviamente deve fare i conti anche con costi elevatissimi per operare i controlli necessari a monitorare i calciatori e gli elementi che ruotano attorno alla squadra. Molti dunque vedono l’annuncio della ripresa come una mossa azzardata, a meno che nella stesura della definitiva regolamentazione del ritorno in campo, non sia previsto uno slittamento in avanti della data di ripresa, e dunque si riesca ad uscire da questo particolare momento di grande circolazione del virus. Ma d’altronde a conti fatti non si potrà certo cominciare nell’arco di qualche giorno. Le squadre sono ferme da mesi, e prima di ritornare in campo occorrerà concedere agli atleti la possibilità di rimettersi in forma e ritrovare il ritmo, per cui ad ogni buon conto non se ne riparlerà prima di un mese. A primavera inoltrata la speranza della ripresa. Sempre che i club abbiano la forza, anche economica, di rimettersi in campo.

ARTICOLI CORRELATI

COMMENTA QUESTO ARTICOLO