Nuovo ko per la Sidigas. Ora si corre ai ripari

scandone ragland (SCANDONE AVELLINO)
06 marzo 2017, 12:23
75
Condividi
Basket. La Sidigas Avellino incassa un’altra sconfitta dopo quella a Venezia in Champions League. Stavolta il ko arriva davanti al pubblico amico nella sfida di campionato contro Varese. Squadra a tratti spenta e impacciata. Ora testa nuovamente all’Europa per la gara di ritorno contro Varese.
La Sidigas Scandone Avellino cede il passo all’Openjobmetis Varese. I biancoverdi escono sconfitti con il punteggio di 75-82 pagando un calo nell’ultimo quarto. Nonostante i 49 punti realizzati nei primi due quarti, la squadra biancoverde non è riuscita a mantenere lo stesso ritmo nel secondo tempo cedendo il passo alla formazione ospite. La squadra biancoverde non è uscita indenne all’esito di un match in cui hanno fatto discutere anche alcune decisioni arbitrali, ma che certamente non possono essere l’alibi per una squadra che è apparsa forse già con la testa alla gara di ritorno della Champions League, in programma dopodomani al Pala del Mauro contro Venezia. Trionfo per i due ex Cavaliero e Anosike. Quest’ultimo ha recitato un ruolo da vero mattatore insieme all’ex obiettivo di mercato biancoverde Johnson. In archivio così una partita che Avellino doveva vincere, soprattutto davanti ai tifosi di casa. Bene i primi due quarti, tanti errori nel secondo periodo. La squadra di Sacripanti ha progressivamente perso fiducia ma ora è tempo di lasciarsi le delusioni alle spalle e cercare di sistemare tutto. E’ in momenti come questo che bisogna continuare a lavorare duramente e a testa alta, come questa squadra ha sempre dimostrato di saper fare. Emblematiche le parole di Sacripanti sul momento della sua squadra. Il tecnico biancoverde a fine gara ha dichiarato che è “Chiaro che questa sconfitta non ci voleva, si perde insieme e si vince insieme, non cerchiamo colpevoli. E’ frustrante iniziare bene e poi subire dei cali di questa entità, specialmente di fiducia in fase realizzativa. Dobbiamo essere fieri di quello che abbiamo fatto fino ad ora e ritrovare sicurezza in attacco. Guardiamo avanti e ci prepariamo per giocare al meglio la prossima gara”. Di fatto lo scotto pagato nelle gare casalinghe diventa importante. Il ko contro il fanalino di coda fa suonare più di qualche campanello di allarme. Ma ora è solo tempo di correre ai ripari e ripartire.

ARTICOLI CORRELATI

SOCIAL: Condividi questo articolo

COMMENTA QUESTO ARTICOLO